Niente da fare nemmeno alla quarta votazione. Per eleggere il presidente della Repubblica bisognerà attendere la quinta votazione, che si svolgerà nella mattinata di sabato 20 aprile (Camere convocate alle 10). Romano Prodi, sostenuto dal Pd, non è infatti riuscito a raggiungere il quorum, sceso dalla quarta votazione a 504 voti. Il Professore si è fermato a 395 voti, scatenando la conta all'interno del Pd. Sarebbero almeno 100 i voti dispersi nel centrosinistra. Dopo l'esito del voto, Prodi ha ritirato la candidatura. Ed è già caos tra i democratici, con Rosy Bindi che annuncia le sue dimissioni e il segretario Bersani che ha immediatamente convocato l'assemblea del partito e ha annunciato le sue dimissioni.
"Trattano questo voto come il congresso del Pci...", ha ironizzato il segretario del Pdl, Angelino Alfano. Intanto il Movimento 5 Stelle incalza il Pd: "Votate Rodotà e a noi andrà bene qualunque nome lui farà per formare il governo". Ma l'ex Garante della Privacy dice che non ostacolerà il Movimento se dovesse scegliere altre soluzioni. E a SkyTG24 chiarisce: "Non ho sentito Prodi". Scelta Civica invece continua ad appoggiare Anna Maria Cancellieri.

Tutti gli aggiornamenti


22.30 Bersani: "Prodotta vicenda di assoluta gravità" - Abbiamo prodotto una vicenda di gravità assoluta, sono saltati meccanismi di responsabilità e solidaretà, una giornata drammaticamente peggiore di quella di ieri". Cosi' Pierluigi Bersani all'Assemblea del Pd.

22.27 Bersani: "Consegno le mie dimissioni dopo il voto al Colle" - "Per me è troppo. Consegno all'assemblea le mie dimissioni. Operative da un minuto dopo l'elezioni del Presidente della Repubblica". Lo ha detto Pier Luigi Bersani.

22.20 Grillo annuncia dimissioni Bersani, la piazza: "A casa" -   Pier Luigi Bersani va verso le dimissioni da segretario del Pd e Beppe Grillo da' l'annuncio, quasi in tempo reale, dal palco di Udine. "Bersani si è dimesso", ha detto. "A casa, a casa", ha urlato la piazza gremita.

22.10 Fonti Pd: "Bersani verso dimissioni" - Pierluigi Bersani dovrebbe presentare all'assemblea dei grandi elettori del Pd le dimissioni da segretario dal momento in cui sara' eletto il nuovo presidente della Repubblica. E' quanto si apprende da fonti del Pd.

22.05 Orfini (Pd) a SkyTG24: "Credo che Bersani si dimetterà" - "Credo che Bersani si dimetterà": lo ha detto il deputato del Pd Matteo Orfini, entrando all'assemblea dei grandi elettori. "Ma questo non risolverà i problemi del partito", ha aggiunto.

22.00 Esposito (Pd) via Twitter: "Tra poco Bersani si dimetterà"



21.35 Renzi: "Mio complotto contro Prodi? Accuse ridicole" -  "Per tutto il giorno sono stato accusato su Facebook di sostenere una candidatura, quella di Romano Prodi. Ora l'accusa è opposta: aver complottato contro la candidatura Prodi. Se non ci fosse di mezzo l'Italia sarebbe da ridere": così un post di Matteo Renzi. "Io le cose le dico in faccia, sempre. I doppiogiochisti non mi piacciono".

21.30 Grillo: "In tre mesi scomparsi 5 partiti" - "In tre mesi 5 partiti non ci sono più Prodi se ne va umiliato, la Bindi ha dato le dimissioni. Ora siamo alla resa dei conti". Così Beppe Grillo nel suo comizio di Udine.

21.20 Vendola, appello per Rodotà via Twitter



21.10 Berlusconi incontra Monti - Silvio Berlusconi è appena giunto a Palazzo Chigi insieme con i capigruppo del Pdl per incontrare Mario Monti. L'incontro servirà per fare il punto su una possibile convergenza del Pdl sul nome di Anna Maria Cancellieri come candidato al Colle. Proposta avanzata da Scelta Civica.

21.05 Pd riunisce gruppi parlamentari alle 22 - I gruppi parlamentari del Pd e i delegati regionali si riuniranno alle 22 "urgentemente" per discutere sul voto per l'elezione del Presidente della Repubblica.

20.56 Prodi: "Chi mi ha portato qui si assuma la sua responsabilità" - Nell'annunciare il ritiro dalla corsa per il Quirinale, Romano Prodi si rivolge duramente con chi lo ha prima candidato per poi non garantire le condizioni di una sua elezione e in una nota sottolinea: "Chi mi ha portato a questa decisione deve farsi carico delle sue responsabilità".

20.50 Prodi ritira la sua candidatura - "Oggi mi è stato offerto un compito che molto mi onorava anche se non faceva parte dei programmi della mia vita. Ringrazio coloro che mi hanno ritenuto degno di questo incarico. Il risultato del voto e la dinamica che è alle sue spalle mi inducono a ritenere che non ci siano più le condizioni". Lo dice Romano Prodi in una nota.

20.45 Rosy Bindi si dimette - "Il 10 aprile ho consegnato a Pierluigi Bersani una lettera di dimissioni da presidente dell'Assemblea nazionale del Pd. Avevo lasciato a lui la valutazione sui tempi e i modi in cui rendere pubblica una decisione maturata da tempo. Ma non intendo attendere oltre. Non sono stata direttamente coinvolta nelle scelte degli ultimi mesi ne' consultata sulla gestione della fase post elettorale e non intendo perciò portare la responsabilitàdella cattiva prova offerta dal Pd in questi giorni, in un momento decisivo per la vita delle Istituzioni e del Paese". Lo rende noto con un comunicato Rosy Bindi.

20.32 Rodotà: "Sono calmo e disteso" - Guarda il video



20.25 Salta incontro Pd-M5S - E' saltato l'incontro tra Pd e Movimento 5 stelle. Questa sera non ci sarà più la riunione che era stata chiesta dal Partito democratico. A fronte infatti della fumata nera e soprattutto dei voti ottenuti da Romano Prodi nel quarto scrutinio (100 voti in meno rispetto alla coalizione di centrosinistra), il faccia a faccia non serve più.

20.02 Pd smentisce voci dimissioni Bersani - Il Partito Democratico ha smentito che il segretario, Pier Luigi Bersani, sarebbe in procinto di dimettersi dopo la bocciatura della candidatura di Romano Prodi al Quirinale, come invece sostenuto in alcune indiscrezioni giornalistiche.

19.43 Monti: “Cancellieri candidatura forte”

19.34 Vendola: "Se salta Prodi ritorna candidatura Rodotà" - “Il Pd sta facendo un congresso in una fase drammatica per il paese, Sel è molto arrabbiata perché i dem mantengono l'Italia dentro una contesa intestina”. Così Nichi Vendola a SkyTG24.

Guarda il video



19.23 Renzi: “Candidatura Prodi non c’è più” - "La candidatura di Prodi non c'è più”. Così Matteo Renzi parlando con SkyTG4.

Guarda il video



19.18 Zoggia: “Nel Pd c’è chi fa giochini” - "Non capisco: l'Assemblea aveva approvato la proposta all'unanimità. A questo punto c'è la responsabilità dei singoli, di chi sta qui a fare giochini, di chi non ha capito che stiamo eleggendo il Presidente della Repubblica". Così Davide Zoggia, esponente del Pd vicino al segretario Bersani, commenta i soli 395 voti presi da Romano Prodi al quarto scrutinio.

19.14 Il tweet del segretario del Pdl Angelino Alfano

19.12 Riunione d’emergenza del Pd - Gabinetto di "guerra" nell'ufficio di Bersani dopo l'esito del voto su Romano Prodi che ha provocato uno shock tra i big e i parlamentari. Pierluigi Bersani è riunito con i capigruppo e Dario Franceschini e Entrico Letta, tutti sfilati in silenzio verso la stanza. "Sconforto" sono le uniche parole di Anna Finocchiaro.

19.06 Migliore: “Sel ha votato compatta per Prodi” - "Noi abbiamo votato compattamente per Prodi, del resto i nostri voti erano 'segnati'". Lo dice Gennaro Migliore, capogruppo di Sel, parlando con i cronisti che chiedevano se ci fossero state defezioni in Sel sul voto per Romano Prodi. Le schede di Sel, ha confermato Migliore, indicavano 'R. Prodi'.

19.03 Ufficiale: Prodi si ferma a 395 voti, meno 100 dei previsti - Fumata nera alla quarta votazione. Romano Prodi ottiene 395 voti, Stefano Rodotà 213, Anna Maria Cancellieri 78, Massimo D'Alema 15, Franco Marini 3, Giorgio Napolitano 2. I voti dispersi sono 7, le schede bianche 15, le schede nulle 4. La soglia per l'elezione è a 504 voti.

Guarda il video



18.43 Scrutinio, spunta Massimo Prodi: applauso Pdl - Durante lo spoglio della quarta votazione per l'elezione del presidente della Repubblica spunta una scheda per Massimo Prodi e scatta l'applauso dai banchi del Pdl. Il nome, che rappresenta una crasi fra Romano Prodi e Massimo D'Alema, suscita infatti l'ilarità del centrodestra.

18.33 Aula si riempie in attesa di conoscere esito scrutinio - L'Aula della Camera si è in gran parte riempita in attesa di conoscere l'esito dello spoglio della quarta votazione per l'elezione del Presidente della Repubblica. Anche il Pdl, che non ha partecipato al voto, ha fatto il suo ingresso nell'emiciclo riempendo lentamente i banchi del gruppo per seguire lo scrutinio.

18.22 Conclusa la quarta votazione, iniziato lo scrutinio - E' finita poco fa la quarta votazione per eleggere il prossimo presidente della Repubblica.

18.16 Crocetta: “Prodi sta discutendo con Grillo” - "Prodi sta discutendo con Grillo. Credo proprio di sì. Anche perché Grillo ha la responsabilità di averlo lanciato come candidato alla presidenza". Lo ha detto il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, uno dei grandi elettori. "La candidatura di Prodi è stata lanciata dentro il Pd dal Movimento 5 stelle, altrimenti - ha aggiunto – il partito avrebbe puntato su soluzioni diverse. Bersani non ha fatto errori, li avrebbe fatti se avesse cercato una soluzione tutta interna, come sarebbe potuta essere quella di D'Alema. Invece ha cercato il dialogo".

17.55 Scelta Civica su Twitter

17.50 Centrodestra contro Prodi, pane e mortadella a Montecitorio: foto



17.40 Il Pd risponde a Grillo su Twitter -

17.00 Mussolini protesta con t-shirt "diavolo veste Prodi": foto



L'intervista a SkyTG24


16.50 Protesta davanti al Parlamento -
Oltre 500 persone (uomini e donne,  giovani e bambini e molti politici) stanno manifestando davanti al  Parlamento contro la candidatura di Romano Prodi al Quirinale. Sventolano le bandiere del Pdl, di Fratelli d'Italia e Casapound e  sfilano, tra gli altri, Marsilio, Rampelli, Meloni, Mollicone, Crosetto.

La voce di un manifestante
: "Vogliamo Rodotà"

16.40 Scelta civica: dopo il voto nuova riunione dei gruppi - Si sono riuniti nella tarda mattinata di oggi i gruppi parlamentari di Scelta Civica di Camera e Senato. All'unanimità hanno deliberato di sostenere con il proprio voto, nell'odierna votazione, Anna Maria Cancellieri. Al termine delle votazioni i gruppi si riuniranno nuovamente per valutare l'esito del voto e per assumere le relative decisioni.

16 Casini a SkyTG24: "Prodi più che credibile, ma candidato nel modo peggiore" (video) -


15.30 Rodotà a SkyTG24: "Non ho parlato con Prodi" (video)

15.13 Tensione tra fazioni in piazza Montecitorio
- Dopo gli slogan, gli insulti e anche qualche spintone, il confronto ravvicinato tra Popolo Viola e sostenitori del Pdl prosegue a colpi di inni. I primi scandiscono Bella Ciao e subito Ignazio La Russa attacca l'Inno di Mameli. Il tutto accade a pochi metri dall'ingresso principale della Camera, dove lo stesso fazzoletto di piazza ospita contemporaneamente il presidio del Popolo Viola, a sostegno di Rodota' al Quirinale, e il sit-in indetto sia da FdI sia dai giovani del Pdl, nello stesso spazio e nello stesso tempo.

15.07 Berlusconi annuncia battaglia - "Noi siamo qui per ostacolare la sinistra, difenderemo la nostra Costituzione, la nostra libertà, la nostra democrazia" ha detto Berlusconi alla riunione dei gruppi del Pdl  "Secondo l'articolo 87 della Costituzione il Capo dello Stato rappresenta l'unità nazionale - ha proseguito - Per questo ci eravamo resi disponibili ad una candidatura condivisa, anche se non espressione del nostro partito. In una rosa di cinque nomi proposta dal Pd avevamo individuato il nome di Marini e lo abbiamo lealmente sostenuto alla prima votazione".

15.03 Lungo colloquio tra capigruppo Pd e Scelta Civica - Lungo colloquio alla Camera tra i capigruppo del Pd e quelli di Scelta civica. L'incontro negli uffici dei gruppi a cui hanno partecipato Roberto Speranza, Luigi Zanda, Lorenzo Dellai e Mario Mauro, e' stato cordiali, spiegano fonti parlamentari, ma non ha sbloccato per ora la situazione. Restano cioe' in piedi sia la candidatura di Prodi da parte del Pd che quella di Annamaria Cancellieri da parte di Scelta Civica.

14.59 Berlusconi: "Il Pd ha violato la parola data"
- Silvio Berlusconi accusa Bersani di aver tenuto "un comportamento inqualificabile". Il Pd - incalza l'ex premier parlando ai gruppi del Pdl - ha violato la parola data per le faide interne, Bersani pensa agli interessi del suo partito e non del Paese. Il capogruppo della Lega al Senato Massimo Bitonci ha inoltre commentato: "Se hanno i voti per far passare Prodi, lo votino".

14.45 Pdl e Lega non partecipano alla IV votazione -  Pdl e Lega non parteciperanno al quarto scrutinio per l'elezione del Presidente della Repubblica. E' quanto emerso dal vertice con Berlusconi a palazzo Grazioli

14.33 Scelta Civica vota Cancellieri - E' terminata la nuova riunione di Scelta Civica, la seconda da questa mattina, e il risultato non ha portato sostanziali novita' alla linea descritta dal presidente Mario Monti in conferenza stampa: "Si vota Cancellieri senza discussioni", spiega Gianpiero D'Alia che pero', alla domanda se le possibilita' di una convergenza sul nome di Romano Prodi siano del tutto tramontate, aggiunge: "Navighiamo a vista, non sappiamo quali saranno gli sviluppi e quali condizioni si verificheranno".

14.30 Movimento 5 Stelle: "Se Pd vota Rodotà disponibili al governo" - Se il Pd voterà Stefano Rodotà al Colle "si apriranno praterie" per il governo "dei cittadini e non più dei partiti". E sarebbe "un governo di garanzia". E' questa, secondo quanto si apprende, la linea del Movimento 5 stelle ribadita nell'assemblea dei parlamentari dai due capigruppo Roberta Lombardi e Vito Crimi.

14.08 Lombardi: "Prodi è espressione dei partiti" - "Prodi è un nome presente nella nostra rosa ma e' comunque un nome dei partiti, su cui in questo momento c'e' un accordo dei partiti, mentre noi vogliamo il candidato dei cittadini". Lo ha detto la capogruppo del M5S alla Camera, Roberta Lombardi, al TgLa7, aggiungendo che "per noi e' importante l'espressione dei cittadini che in questi giorni hanno manifestato affetto nei confronti di Rodotà, un innamoramento dei cittadini nei confronti della politica mai visto per l'elezione del presidente della Repubblica". Allora, sosterrete Rodotà anche alla quinta o sesta votazione? "Assolutamente sì", dice Lombardi escludendo defezioni da parte del M5S.

14.05 I risultati del terzo scrutinio - Questi i risultati del terzo scrutino alla Camera per l'elezione del Presidente della Repubblica, annunciati all'Aula dalla presidente della Camera, Laura Boldrini: 250 voti a Rodotà, 34 a Massimo D'Alema, 22 a Prodi, 12 a Napolitano, 9 a Cancellieri, 8 a Sabelli Fioretti, 7 a De Caprio, 6 a Marini, 5 a Mussolini, 5 a Palmieri, 4 a Bonino, 4 a Chiamparino, 4 Merlo Ricardo, 3 a Borletti Buitoni, 3 a Casaleggio, 3 a Cicchitto, 3 a Colombo Gherardo, 3 a Leo Ermanno, 2 Castagnetti, 2 a Di Giovanpaolo, 2 a Martino. 44 i voti dispersi, 465 le schede bianche, nulle 47.

13.57 Terza votazione: per Rodotà 250 preferenze - Fumata nera anche nella terza votazione per l'elezione del presidente della Repubblica. Le schede bianche sono state 465, Rodotà ha incassato 250 preferenze, Prodi 22. Da questo pomeriggio per eleggere il nuovo Capo dello Stato  basteranno 504 Grandi elettori. Si tornerà a votare a partire dalle 15.30.

13.50 M5S conferma Rodotà - Il MoVimento 5 Stelle non arretra e conferma il proprio candidato per il Colle nella persona di Stefano Rodotà. L'assemblea dei deputati e dei senatori a 5 Stelle tenutasi a Montecitorio alle 13 - spiega Rocco  Casalino -  ha ascoltato il capogruppo Vito Crimi che ha riferito dell'incontro con Rodotà a cui tutta l'assemblea ha tributato un applauso acclamandolo e ripetendo ad alta voce "Rodotà-Rodotà-Rodotà”.

13.45 Senza vincitori anche la terza votazione - Anche la terza votazione alla Camera per l'elezione del Presidente della Repubblica si chiude con una “fumata nera”.

13.21 Bersani: “Prodi ce la fa? Vediamo…”
- "Adeso vediamo...". Così Pier Luigi Bersani ha risposto ai cronisti che gli chiedevano se Romano Prodi ce la farà a essere eletto Presidente della Repubblica.

13.07 Rodotà: "Non ostacolo M5S per altre soluzioni" - "Torno a ringraziare i grandi elettori, in particolare quelli del Movimento 5 Stelle e di Sel, e i moltissimi cittadini che in questi giorni mi hanno espresso una grande e per me inattesa fiducia. Ringrazio il Movimento 5 Stelle che ha confermato l'intenzione di continuare a sostenere la mia candidatura". Lo afferma in una nota Stefano Rodotà. "Per parte mia, non intendo creare ostacoli a scelte del Movimento che vogliano prendere in considerazione altre soluzioni".

12.50 Conclusa la terza votazione - Chiusa la terza votazione per l'elezione del Presidente della Repubblica, che si sta tenendo nell'Aula della Camera. Al via lo spoglio delle schede.

12.35 Maria Laura Rodotà: "Quelli del Pd chiamano me" - La giornalista del Corriere della Sera Maria Laura Rodotà, figlia di Stefano Rodotà, scrive su Twitter di essere stata contatta dal Pd sulla candidatura al Quirinale del padre.
12.30 Grillo: "Nessuno nel M5S si sogna di votare Prodi" - "Nessuno in M5S si è mai sognato di votare Prodi e non se lo sognerà nemmeno in futuro. Il nostro presidente è Rodotà". Lo ha detto Beppe Grillo intervenendo a Manzano (Udine). "Il nostro slogan è a casa tutti - ha aggiunto - se ne sono già andati cinque partiti".

12.15 Renzi: "Prodi? Aspettiamo e vediamo" - "Aspettiamo e vediamo". Così Matteo Renzi a SkyTG24 rispondendo ad una domanda sulla candidatura di Romano Prodi per il Quirinale.

12.05 Rodotà non rinuncia a candidatura - "Il Professor Rodotà non rinuncia alla candidatura". Lo hanno reso noto i capigruppo 5 stelle Vito Crimi e Roberta Lombardi, che lo hanno incontrato, spiegando che il Pd dovrebbe chiarire perché non si può convergere sul nome dell'ex presidente dell'authority.

12.00 Alfano: "Con Prodi vogliono unire il Pd e dividere l'Italia" - "Hanno candidato Prodi per tentare di unire il Pd e dividere l'Italia". Così il segretario del Pdl Angelino Alfano commenta il nome di Romano Prodi avanzato dal Pd per il Quirinale. "Vanno contro lo spirito della Costituzione e trattano la presidenza della Repubblica come fosse un congresso del PCI-Pds-Ds-Pd e il Quirinale come se fosse una sede di partito - ha insistito - è chiaro che ci comporteremo di conseguenza".

11.50 Giorgia Meloni: "In piazza per dire no a Prodi"
-

11.35 Monti: "Cancellieri nome capace di unire" - "Alla terza abbiamo votato scheda bianca, prima della quarta ci riuniremo, il nostro candidato e Anna Maria Cancellieri. vogliamo vedere come reagiranno le altre forze politiche". Così Mario Monti spiega a SkyTG24 la strategia di Scelta Civica in vista delle votazioni per il Quirinale. "Abbiamo proposto un nome capace di unire" ha detto ancora Monti.  "Se il Pdl sceglie la Cancellieri e il Pd no è il Pd che fa una scelta diversa da una scelta di unità nazionale".



11.10 Lombardi e Crimi M5S a casa di Rodotà - Vito Crimi e Roberta Lombardi del M5S sono arrivati nella casa romana di Stefano Rodotà, che il movimento di Grillo candida al Quirinale. "Siamo qui per salutarlo. Farsi da parte per Prodi? Prima ci sono anche altri nomi come Zagrebelski", hanno risposto a chi gli chiedeva la ragione della visita. "Votiamo Rodotà, non ci sono altri nomi" ha detto prima, uscendo da Montecitorio, Vito Crimi.



11.00 Monti: "Cancellieri donna giusta" - "Non è una candidatura contro nessuno, tantomeno contro Prodi" anzi è un segno "importante per la pacificazione politica dell'Italia". Così il premier uscente Mario Monti presenta la 'carta' di Scelta Civica per il Quirinale.

10.45 Gasparri: "Valutiamo Cancellieri" - "Ieri c'è stato un incontro tra Scelta civica e Pdl e ci è stato proposto di convergere sulla Cancellieri ed è una valutazione che faremo più tardi". Lo ha detto Maurizio Gasparri del Pdl aggiungendo che l'ipotesi Cancelleri "ci interessa anche per il futuro, per aprire un dialogo con un'area alternativa alla sinistra".

10.35 Scelta civica voterà Cancellieri alla quarta votazione - Il ministro dell'Interno Annamaria  Cancellieri sarà il candidato di Scelta civica per il Quirinale. I montiani voteranno la titolare del Viminale a partire dal quarto scrutinio.

10.33 Marini: "Cambiata strategia, mia candidatura viene meno"
- "E' saltata la strategia di un dialogo con il centrodestra finalizzata all'obiettivo di dare all'Italia un Governo, dinanzi alla durissima situazione del Paese. Strategia da me pienamente condivisa. Anche perché ritengo una follia il ritorno immediato alle urne con questa legge elettorale. Ovviamente con il cambio di strategia viene meno anche la mia candidatura". Così Franco Marini in una nota.

10.30 Bersani chiama Prodi in Mali - Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani ha chiamato al telefono Romano Prodi che si trova questi giorni in Mali. Bersani ha informato l'ex presidente della Commissione Europea dell'esito dell'assemblea dei grandi elettori del Pd, che lo ha candidato al Quirinale. Prodi rientrerà in Italia domani 20 aprile.

10.15 Brunetta:" Scelta condivisa era un bluff"
- "Ancora una volta la sinistra e Bersani confermano la loro irresponsabilità. La storiella della scelta condivisa è stata solo un bluff". Questo il commento di Renato Brunetta alla candidatura di Romano Prodi.

10.05 Quirinale, al via la terza votazione - Al via, nell'Aula della Camera, la terza votazione per l'elezione del presidente della Repubblica, presieduta dai presidenti di Camera e Senato, Boldrini e Grasso. Affinché il nuovo Capo dello Stato sia eletto servono ancora i due terzi dei Grandi elettori.



9.45 Sel voterà Prodi alla quarta votazione
- L'alleanza di centrosinistra alla quarta votazione si presenterà compatta a sostegno della candidatura di Romano Prodi. Anche Sel, infatti, ha deciso di convergere sul nome dell'ex premier. Lo conferma Nicola Fratoianni al termine della riunione del partito.

9.35 Cicchitto: "Con candidatura Prodi nessuna intesa su governo" -  Il Pdl ritiene la candidatura al Quirinale di Romano Prodi, che il Pd percorrerà dalla quarta votazione, un atto di rottura che preclude anche future possibilità di intesa sul governo. Lo fa sapere Fabrizio Cicchitto secondo cui: "Il Pd è uno strano animale politico. Ieri ha fatto un'intesa su Marini che non ha voluto o potuto onorare. Noi riteniamo la candidatura di Prodi un atto di rottura e dalla quarta voteremo un nostro candidato alternativo. "Non esistono evidentemente i presupposti anche per quanto riguarda la prospettiva di governo", ha aggiunto.


9.30 Lupi: "Povera Italia comunisti non cambiano mai"
- Duro commento su Twitter di Maurizio Lupi, che accusa il Pd di mettere i propri interessi davanti a quelli degli italiani.

9.25 Salta la conferenza dei capigruppo - La conferenza congiunta dei Capigruppo di Senato e Camera, già convocata per oggi, venerdì 19 aprile alle ore 9,40 presso la Camera dei Deputati, Sala della Regina, non avrà luogo. Lo rende noto un comunicato.

9.20 Fassina: "Prodi in grado di unire la nostra coalizione" -  Prodi è in grado di unire la nostra coalizione". Così ai microfoni di SkyTG24 Stefano Fassina.


9.15 Bersani: Prodi qualifica la coalizione" - "Prodi qualifica la nostra coalizione e parla al nostro paese". Lo ha detto Pier Luigi Bersani, secondo quanto riferiscono alcuni partecipanti, proponendo la candidatura di Romano Prodi per il Quirinale. Bersani ha  subito ringraziato Franco Marini e poi ha parlato della necessità di "costruire una scelta del nostro campo da proporre al Parlamento". Alla prossima votazione, comunque, ha dato indicazione per la scheda bianca.

9.05 Prodi approvato all'unanimità - La proposta di Romano Prodi avanzata dal segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, all'assemblea dei grandi elettori democratici, è stata accolta da un applauso e da una standing ovation dei presenti. Poi il voto con ok che la approvata all'unanimità.

8.55 Bersani propone Prodi
- Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, ha proposto all'assemblea dei grandi elettori del Pd il nome di Romano Prodi per la presidenza della Repubblica.