Il M5S non voterà una fiducia "in bianco" e non uscirà dall'aula per favorire la nascita di un governo. E' questo l'esito del faccia a faccia (trasmesso in diretta streaming: QUI TUTTI I VIDEO) tra il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, e i capigruppo del Movimento, Vito Crimi e Roberta Lombardi. Il giorno dopo il voto all’unanimità espresso dai gruppi parlamentari 5 Stelle, i "grillini" confermano dunque la loro linea: "O un governo 5 Stelle o un governo 5 Stelle", come ribadisce la Lombardi al termine dell'incontro.
Al segretario Pd, che ha chiesto ai capigruppo di prendersi un pezzo di responsabilità, i 5 Stelle hanno risposto: "Siamo pronti a prenderci le nostre responsabilità e a riprenderci il nostro paese". Ma non ad appoggiare un governo guidato da Bersani.
Posizione ribadita poi anche da un post di Beppe Grillo sul suo blog, dove attacca tutta la classe politica, da Bersani a Berlusconi, definiti "Padri Puttanieri, quelli che hanno sulle spalle la più grande rapina ai danni delle giovani generazioni."
Il segretario democratico proseguirà le consultazioni, che si concluderanno domani, giovedì 28 marzo. E potrebbe salire già quel giorno al Quirinale, per riferire a Giorgio Napolitano l'esito dell'incarico esplorativo per la formazione del nuovo governo.
Intanto in Parlamento sembra crescere il partito del “piano B”, in caso di fallimento del tentativo Bersani. Un governo di scopo o del presidente, poco conta il nome, guidato da una personalità istituzionale, autorevole e lontana dal mondo della politica. Ad esempio un ex presidente della Corte costituzionale. I nomi illustri non mancano: da Valerio Onida a Gustavo Zagrebelsky, solo per citare due figure.

Gli aggiornamenti in tempo reale:

16.34  Bersani: "Non ho diktat per il Quirinale" - "Andrò al Quirinale e valuterò insieme al Presidente della Repubblica. Non ho diktat da fare, come leggo, devo portare una valutazione conclusiva fatta di numeri e anche di valutazioni politiche e con il Capo dello Stato il dialogo e' sempre bello, corretto e produttivo". Così Pier Luigi Bersani al termine delle consultazioni di oggi.

16.25 Bersani a Grillo: "Insulti inutili, dica cosa vuole per il Paese"
- "Pensare di fermare l'intelligenza con gli insulti e' come fermare l'acqua con le mani...si può insultare se si sta fuori dal Palazzo, quando si sta dentro si deve decidere che cosa si vuole fare per paese". Così Pier Luigi Bersani risponde a Grillo incontrando la stampa dopo le consultazioni.

16.23 Giovedì incontro Bersani Napolitano
- "La mia intenzione è nella giornata di domani di portare al presidenze della Repubblica gli esiti" delle consultazioni, "saro' flessibile se viene chiesta un'ora in più dalle forze politiche" ma "dobbiamo avviarci a una determinazione conclusiva". Lo ha detto Pier Luigi Bersani dopo le consultazioni di oggi.

16.20 Bersani: "Ho offerto vero cambiamento" - "In assoluta trasparenza ho cercato di mettere insieme le forze politiche di fronte ad un'occasione vera di cambiamento, un'occasione precisata e strutturata che riguarda da un lato un governo che risponda immediatamente ad esigenze impellenti e dall'altro le riforme strutturali da cui parliamo da tempo". Cosi' Pier Luigi Bersani.

14.50 Bersani risponde a Grillo - "Auguri ai salvatori della Patria". Così Pier Luigi Bersani ha commentato il duro attacco di Beppe Grillo che, sul blog, ha messo il leader del Pd tra i "padri puttanieri" che hanno rovinato un paese che adesso tocchera' al Movimento 5 Stelle salvare.

14.39 Grillo ai politici: "Puttanieri" - "I Padri Puttanieri, quelli che hanno sulle spalle la più grande rapina ai danni delle giovani generazioni" sono quelli che si appellano alla governabilità. Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog. "Questi padri che 'chiagnono e fottono' sono i Bersani, i D'Alema, i Berlusconi, i Cicchitto, i Monti che ci prendono allegramente per il culo ogni giorno con i loro appelli quotidiani per la governabilità".

14.20 Maroni: "Se il Pd non riesce, si torni al voto"
- "Se chi ha vinto le elezioni non riesce a fare il governo, bisogna ridare la parola al popolo sovrano". Cosi' il leader della Lega, Roberto Maroni, ha risposto a chi gli chiedeva se veda possibile un governo del presidente o di scopo se fallisse il tentativo di Pier Luigi Bersani.

13.34 Grillo: Bersani e Cav vi cacceremo - Beppe Grillo attacca, dal suo blog, Bersani, Berlusconi, Monti e D'Alema definendoli 'padri puttanieri' che hanno governato per 20 anni a spese dei "figli di 'nn"' che ora però li 'manderanno a casa'.

13.06 Fratelli d'Italia: no fiducia, ma pronti a collaborare - "Abbiamo detto al di là della nostra posizione e del fatto che non voteremo la fiducia, che siamo disposti a collaborare con il governo sui temi concreti. Non siamo tra quelli che dicono di tornare al voto per prenderne uno in più". Lo afferma Guido Crosetto, fondatore di Fratelli D'Italia, al termine delle consultazioni con Bersani.

12.42  De Mistura e Dassù nuovi viceministri Esteri - Staffan De Mistura e Marta Dassù, attuali sottosegretari, diventano viceministri agli Esteri. E' quanto ha deciso, a quanto si apprende, il Consiglio dei ministri in corso a Palazzo Chigi.

12.38 Crocetta: "Di Zichichi non se ne poteva più" - Interpellato dall'Ansa sui motivi che lo hanno portato a togliere l'incarico ai Beni Culturali al fisico, Rosario Crocetta ha risposto: "Di Zichichi non se ne poteva più, bisognava lavorare e invece lui parlava di raggi cosmici. Forse, sarebbe stato meglio utilizzarlo come esperto".

12.29 Grillo vedrà i parlamentari dopo Pasqua - Beppe Grillo vedrà i parlamentari  'stellati' subito dopo Pasqua. Orario e location restano top secret, al momento, ma non è escluso che il leader del Movimento 5 Stelle  darà appuntamento ai suoi fuori Roma, anche per sopire l'interesse della stampa. La voce è stata fatta girare tra senatori e deputati  dai Alcuni, tra l'altro, erano rimasti delusi dal mancato incontro  con Grillo nel giorno delle consultazioni con il Capo dello Stato al  Colle. Ora, invece, sarebbe stato lo stesso leader a chiedere di incontrare i suoi, anche per sondare gli umori a poche settimane  dall'inizio dell'esperienza parlamentare. "Secondo me, sarebbe una  buona idea vedersi almeno una volta al mese", dice Roberto Fico,  deputato grillino intercettato dai cronisti nei corridoi di  Montecitorio.

12.14 Crocetta revoca incarico a Battiato -  Il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, ha deciso di revocare l'incarico di assessore regionale al Turismo al maestro Franco Battiato. Crocetta ha deciso di revocare l'incarico anche ad Antonio Zichichi.

12.08 Incontro Bersani - Napolitano potrebbe slittare a venerdì -  Potrebbe slittare a venerdi' l'incontro tra Pier Luigi Bersani e il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al termine delle consultazioni del leader del Pd. L'informativa del premier Mario Monti alle Camere questo pomeriggio sulla vicenda dei due marò ha fatto rinviare a domani i colloqui di Bersani con le delegazioni del Pd e di Sel. E' possibile dunque che sia rinviato di qualche ora l'appuntamento al Colle, inizialmente previsto domani. Il segretario ha spiegato questa mattina, durante il faccia a faccia con il Movimento 5 Stelle, che al termine del giro si prenderà "una pausa di riflessione".

10.50 Crimi: "No alla fiducia e non usciremo dall'aula. Nel caso, pronti a votare i singoli provvedimenti"

Guarda il video



10.46 Crimi: “Noi credibili, gli altri no”
- Se il Movimento 5 stelle avrà l'incarico di formare un governo "noi potremo mettere in campo una cosa che gli altri non hanno: la credibilità". Lo ha detto Vito Crimi ai giornalisti dopo l'incontro con Bersani.

10.42 Lombardi: "O governo 5 Stelle o governo 5 Stelle"

10.41 Crimi: "Escludiamo che usciremo dall'aula"
- Il capogruppo M5S esclude l'ipotesi di uscire dall'aula per abbassare il quorum e permettere la nascita del governo".

10.29 Bersani: "Non possiamo stare dei mesi per decidere" - Dar vita a "una convenzione, un organismo a gratis, di servizio civico, dove ci sono parlamentari e non solo, espressione della società espressione della società, che attraverso un meccanismo normativo a data certa consegni in sede redigente al Parlamento un progetto di riforma" della seconda parte della Costituzione. E' la proposta che Pier Luigi Bersani espone al M5S. La convenzione sarebbe "il luogo dove esercitare il massimo di corresponsabilità con le forze all'opposizione".

10.22 Bersani: “La fiducia si dà e si toglie” – Il segretario Pd: “Vi capisco ma adesso si può cambiare, se si vuole”. "C'è il tema di caricarsi di una responsabilità - ha aggiunto Bersani - e il tema di non impedire. Avete avuto colloqui con il Capo dello Stato, se pensate che ci sia un'ipotesi che possiate caricarvi voi di un governo... Inviterei tutti a una riflessione. Purtroppo non è Ballarò anche se siamo in streaming, i prossimi mesi sono una roba seria", ha ammonito.

Guarda il video



10.19 Crimi: "Non ci stiamo a dare una fiducia in bianco" - Il sostegno può essere pieno sui provvedimenti "ma la questione della fiducia è un atto in bianco, molto forte con cui si danno le condizioni per una maggioranza stabile" e il mandato che ci è stato dato dagli elettori, "in modo quasi unanime, è quello di non dare una fiducia in bianco". Lo ha detto Vito Crimi durante le consultazioni con il segretario del Pd. "Siamo in una fase in cui vogliamo le prove".

Il video della replica dei 5 Stelle



10.17 Lombardi: "Sono 20 anni che sento parlare delle stesse cose" - Così la capogruppo M5S: "L'ho ascoltata. Per me è la prima esperienza in politica e mi sembrava di stare a sentire una puntata di Ballarò. Sono vent'anni che sentiamo dire queste cose. Noi non incontriamo le parti sociali perché noi lo siamo. Siamo pronti a prenderci le nostre responsabilità e a riprenderci il nostro paese".  

10.15 Bersani: “Non lasciamo paese senza soluzione” – Il segretario al M5S: “Non impedite partenza esecutivo. Io sono pronto a prendermi una responsabilità enorme. Chiederei a ciascuno di prenderne un pezzettino”.

Il video dell'intervento di Bersani



10.11 Bersani: “Serve terapia d’urto su corruzione e conflitto d’interessi”

10.05 Bersani: "Non farò governi se non c'è possibilità di cambiamento" - "Parto dal presupposto: governo sì, governabilità ok, ma senza cambiamento non ci può essere governo. Voi di questo cambiamento siete protagonisti, ma non siete esclusivi protagonisti. La mia forza sente questa esigenza. Io non farò governi che abbiano davanti l'impossibilità di cambiamento". Così Bersani a Crimi e Lombardi.

10.03 Grillo su Twitter: "Capigruppu ribadiranno no a fiducia"

10.01 Iniziato incontro tra Bersani e i capigruppo M5S

9.38 Latorre: “Se Bersani fallisce difficile altra soluzione” - "Se fallisce il tentativo di Bersani sara' difficile trovare un'altra soluzione". Coì  Nicola Latorre del Pd ospite a Omnibus su La7, aggiungendo che "in queste ore decisive dovremmo concentrare il nostro impegno per auspicare il decollo di questa iniziativa di Bersani: se non ci saranno le condizioni sarà poi Napolitano a valutare ciò che si farà e noi ci regoleremo di conseguenza".

9.30 Moody’s segue con attenzione il tentativo di Bersani - L'agenzia Moody's guarda "agli sforzi di Bersani per formare un governo" per le sue valutazioni sul rating. E' quanto afferma in un'intervista alla Reuters l'analista Dietmar Hornung secondo cui l'esito del tentativo del leader Pd ha riflessi nel "breve termine" sul profilo di credito del paese.

8.50 Orfini: “Governo Pd-Pdl inimmaginabile” - "Nulla è cambiato da questo punto di vista. La nostra proposta è chiara: da un lato la disponibilità a discutere con le forze parlamentari e sociali delle grandi riforme istituzionali di cui il paese ha bisogno; dall'altro la proposta di un governo di cambiamento sulla base degli otto punti che abbiamo presentati che sono non trattabili e non derogabili. Quindi un governo Pd-Pdl è inimmaginabile".

8.05 Attesa per l'incontro tra Bersani e il M5S - Alle 10 si svolgerà l'atteso faccia  faccia tra il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, e i capigruppo del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi e Roberta Lombardi. Non dovrebbe esserci invece Beppe Grillo.