Un gruppo su Facebook per sostenere il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni in cui sono stati inseriti anche giornalisti, esponenti di partiti e di sindacati che nulla avevano a che fare con la causa. L’iniziativa, finita al centro delle polemiche e raccontata da Sky.it, è opera di Maurizio Foschi che, interpellato da Sky.it, si è presentato come ufficio stampa del gruppo Pdl nel Consiglio regionale lombardo.
Lo stesso Foschi sul social network lavorativo Linkedin si definisce "operatore della comunicazione" e "ufficio stampa" presso il consiglio regionale della Lombardia.

L’ufficio stampa del gruppo precisa però che Foschi in effetti lavora per il Pdl in Regione ma svolge un ruolo di segreteria e non mansioni di ufficio stampa. Sulla questione interviene anche il capogruppo del Pdl in Regione, Paolo Valentini. "Il signor Maurizio Foschi – dice Valentini - non fa parte in alcun modo dell'Ufficio stampa del Gruppo Pdl in Regione Lombardia, come scritto erroneamente, e non è quindi autorizzato a portare avanti alcuna iniziativa per conto del Pdl. Non hanno valore azioni o commenti che il signor Foschi fa, o dice eventualmente di fare, per conto dell'Ufficio stampa del Gruppo Pdl". "In particolare - continua la nota - il gruppo Pdl non è coinvolto nell’attività di Foschi su Facebook e nel suo gruppo di sostegno al presidente Formigoni".