(in fondo all'articolo tutti i video sul referendum elettorale)

La Corte costituzionale ha rese note le motivazioni per cui il 12 gennaio ha ritenuto inammissibili i quesiti per il referendum sulla legge elettorale.
Il quesito numero 1, si legge, "dal titolo 'Elezioni Politiche - Abrogazione della legge 21 dicembre 2005, n. 270, contenente modifiche alle norme per l'elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica', è inammissibile perché riguarda una legge elettorale nella sua interezza e, ove il referendum avesse un esito positivo, determinerebbe la mancanza di una disciplina 'operante' costituzionalmente necessaria".

"La seconda richiesta di referendum popolare è inammissibile per contraddittorietà e per assenza di chiarezza, oltre che per le medesime ragioni di inammissibilità esposte con riferimento al quesito n. 1", spiegano ancora i giudici nella motivazione.