Guarda anche:
Governo Monti, conflitti d'interessi e poteri forti
Monti: un nuovo ministro e i sottosegretari. Ecco la lista
Chi è Patroni Griffi, ministro a sorpresa della PA
Ecco i ministri del governo Monti

(In fondo all'articolo tutti i video sul nuovo governo)

Di fronte alle accuse mosse da alcuni giornali di conflitto di interesse per alcuni membri dell'esecutivo, il governo assicura "trasparenza" nelle sue azioni. Lo ha detto il premier Mario Monti al termine della cerimonia di giuramento dei sottosegretari e dei viceministri. "Attenti a parlare di conflitto di interessi - ha spiegato Monti - rispetto al quale saremo trasparenti. Chi nella società civile ha avuto delle competenze e ha fatto la scelta di entrare nel governo, non lo ha fatto per trascinare le esperienze passate".
Questo "governo chiamato tecnico" ha "una cifra di competenza e al tempo stesso si pone con umiltà, come abbiamo cominciato a fare da alcuni giorni, al servizio del Parlamento", ha aggiunto. "Se faremo un buon lavoro aiuteremo l'Italia a uscire da una situazione molto difficile".

Manovra da 20 miliardi - Intanto da indiscrezione dei tecnici al lavoro si apprende che la manovra correttiva al vaglio del governo per raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013 potrebbe essere di 20 miliardi di euro. Con l'ipotesi di un calo del Pil dello 0,5% servirebbe una correzione di 20 miliardi comprensiva di 4 miliardi della delega fiscale.
Tra le ipotesi allo studio del governo, inoltre, vi sarebbe l'innalzamento della soglia minima
dei 40 anni di contributi necessari ora per la pensione di anzianità indipendentemente dall'età anagrafica. Il limite minimo potrebbe essere portato 41 e i 43 anni di contributi.

Il nuovo ministro - Nella mattinata di martedì 29 novembre il premier ha partecipato alla cerimonia di giuramento dei sottosegretari e viceministri, nominati la sera prima nel Cdm a Palazzo Chigi.  Il governo ha così chiuso la partita e aggiunto alla squadra anche un nuovo ministro, il consigliere di Stato Filippo Patroni Griffi che va alla Funzione Pubblica.
I vice, nominati nella serata di lunedì 28 novembre dal Consiglio dei Ministri (qui il comunicato ufficiale di Palazzo Chigi, ndr), sono 3 (Vittorio Grilli, Mario Caccia e Michel Martone) e 25 i sottosegretari (guarda la lista, ndr).
Si tratta della squadra di governo meno numerosa della Seconda Repubblica.
Non sono mancate però le polemiche. Su tutte quelle per la nomina di Giampaolo D’Andrea, sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento. Per il Pdl questa scelta tradisce l'indicazione di creare un governo solo tecnico. Quagliariello ha spiegato a SkyTG24: "C’è un piccolo problema, diciamoci la verità. Questo è un governo di tecnici con un solo politico”.