Guarda anche:
Ecco i nuovi ministri del governo Monti
Il Financial Times critica Monti
Crisi, il governo riduce l'acconto dell'Irpef
Monti convince Sarkozy e Merkel. Scontro sugli eurobond
Monti all'Ue: "Faremo riforme più incisive"

E' stato sciolto il nodo dei sottosegretari. Ma a sorpresa la squadra di Mario Monti si è allargata: Filippo Patroni Griffi è stato nominato ministro della Funzione Pubblica. L'esecutivo è composto adesso da 18 membri.

Ecco le nomine varate oggi dal Consiglio dei ministri per sottosegretari e viceministri. Rispetto al precedente Esecutivo il numero complessivo dei sottosegretari diminuisce da 40 a 25, di cui 4 presso la Presidenza del Consiglio. Ai quali si aggiungono tre nomine a viceministro.

Alla PRESIDENZA DEL CONSIGLIO - Rapporti con il Parlamento: Giampaolo D'Andrea e Antonio Malaschini; Editoria: Carlo Malinconico; Informazione e Comunicazione: Paolo Peluffo.

AGLI AFFARI ESTERI - Marta Dassù e Staffan de Mistura.

All'INTERNO - Carlo De Stefano, Giovanni Ferrara, Saverio Ruperto

Alla GIUSTIZIA - Salvatore Mazzamuto e Andrea Zoppini

Alla DIFESA - Filippo Milone e Gianluigi Magri

All'ECONOMIA E FINANZE - Vittorio Grilli (Vice Ministro), Vieri Ceriani e Gianfranco Polillo

Allo SVILUPPO ECONOMICO - Claudio De Vincenti e Massimo Vari

Alle POLITICHE AGRICOLE - Francesco Braga 

All'AMBIENTE - Tullio Fanelli

All'INFRASTRUTTURE E TRASPORTI - Mario Ciaccia (Vice Ministro) e Guido Improta

Al LAVORO e allle POLITICHE SOCIALI - Michel Martone (Vice Ministro) e Cecilia Guerra

Alla SALUTE - Adelfio Elio Cardinale

All'ISTRUZIONE - Elena Ugolini e Marco Rossi Doria

Ai BENI CULTURALI - Roberto Cecchi.

Polemiche tra le file del Pdl per la nomina di Giampaolo D'Andrea, nuovo sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento e già sottosegretario del secondo governo Prodi. "Nulla di personale verso D'Andrea, ma la decisione di nominare un politico come lui in un Esecutivo tecnico tradisce la ragione costitutiva del governo.Chiediamo coerenza e non vorremmo essere costretti a negargli l'appoggio", recita una nota firmata dai parlamentari del Pdl Viceconte, Latronico, Mazzaracchio,Di Giacomo, Moles e Taddei.

La riunione del governo è iniziata con un'ora e 25 minuti di ritardo ed è durata circa 20 minuti, per un incontro del presidente del Consiglio Mario Monti nel suo studio a Palazzo Chigi con il sottosegretario alla presidenza Antonio Catricalà per un'ultima messa a punto della lista.

Rispettati dunque i tempi. Il presidente del Consiglio Mario Monti aveva infatti detto di voler formalizzare la lista prima della partenza per la riunione dell'Eurogruppo di martedì 29 novembre. Per completare subito i ranghi del proprio governo e poi dedicarsi esclusivamente alle prime misure anticrisi che saranno presentate il 5 dicembre. Il premier, intanto, è stato ricevuto al Quirinale in mattinata per un incontro con il Capo dello Stato Giorgio Napolitano.