"Abbiamo toccato il fondo". Silvio Berlusconi torna sugli scatti rubati a Villa Certosa, in Sardegna, e parla di inaccettabibili "intromissioni nel privato". "Nessuno può accettare - ja detto il premier - che qualcuno da fuori ti fotografi dentro casa. A me è stato fatto contro ogni privacy, mentre la riservatezza è una delle libertà fondamentali". Ha parlato anche del suo matrimonio in crisi Berlusconi: "Sono dispiaciuto - ha spiegato - che mettano sulle prime pagine dei giornali delle situazioni che dovrebbero attenere solo alla vita di una famiglia". Quanto al piano casa, il premier ha detto che "nelle regioni governate dal centrodestra la legge è pronta e potrebbe vedere la luce entro il 15 giugno".