Mentre il suo livello di gradimento continua a scendere, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump deve continuare la sua battaglia contro Derrick Watson, il giudice federale delle Hawaii che ha stabilito l'interruzione temporanea della seconda versione del muslim ban e che ha respinto la richiesta del Dipartimento di Giustizia di rivedere la sua decisione. Dalla Casa Bianca, intanto, arriva anche la smentita sulla presunta gaffe della mancata stretta di mano ad Angela Merkel.

 

Ancora un no al muslim ban - Ha detto no Derrick Watson quando il Dipartimento di Giustizia gli ha chiesto di cambiare idea sul 'bando' riguardante gli ingressi negli Stati Uniti da sei Paesi a maggioranza musulmana. Il Dipartimento di Giustizia aveva chiesto al giudice delle Hawaii di modificare l'ingiunzione, limitandola alla parte del provvedimento sugli ingressi e non a quella sullo stop per l'accoglienza di rifugiati.

 

La “gaffe” con la Merkel - Il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer è dovuto intervenire in difesa del presidente dopo la visita di Angela Merkel. In seguito alla diffusione di un video in cui, mentre sono nello Studio Ovale con la stampa, alla richiesta della Merkel di stringersi la mano Trump si volta dall’altra parte senza nemmeno rispondere, si era parlato di gaffe, freddezza, maleducazione. Ma, secondo la Casa Bianca, l'episodio è frutto di un malinteso: ''Non credo che abbia sentito la domanda'', ha detto Spicer a Der Spiegel.

 

Il 58% è scontento di Trump - Tuttavia il malcontento sembra correre per tutto il Paese. Stando a un nuovo sondaggio Gallup, cala il livello di gradimento Donald Trump, che si attesta al 37%: il 58% degli intervistati dice di non apprezzare il lavoro del presidente. Lo studio sembra confermare la tendenza già registrata da un rilevamento diffuso da Fox News e condotto all'inizio del mese, che mostrava una riduzione del 5% del livello di approvazione rispetto al mese precedente, con il 43% a favore dell'operato di Trump e il 51% contrario, mentre nello stesso studio condotto a febbraio il 48% si diceva contento e il 47% deluso.