Salah Abdeslam, ricercato numero uno per gli attentati di Parigi catturato venerdì pomeriggio a Molenbeek, quartiere di Bruxelles, e ora nel carcere di Bruges, ha iniziato a collaborare con gli inquirenti. “Volevo farmi esplodere allo Stade de France ma ci ho ripensato", avrebbe raccontato durante gli interrogatori ai giudici belgi, secondo quanto riferito dal procuratore di Parigi Francois Molins.

"Ha deciso di collaborare" - L’avvocato di Salah, Sven Mary, ha spiegato che il suo assistito “ha deciso di collaborare con la giustizia belga e non è rimasto in silenzio di fronte al giudice”. Salah, ha rivelato il suo legale, "ha spiegato al giudice perché non si è fatto saltare per aria a Parigi". Abdeslam è stato formalmente incriminato per "stragi terroristiche e partecipazione ad attività di un gruppo terroristico" e il suo fermo prolungato di 5 giorni.

Si oppone a estradizione - La Francia ha chiesto l’estradizione del presunto terrorista. “Salah Abdeslam si opporrà alla richiesta”, ha detto il suo avvocato, aggiungendo: "Abbiamo rifiutato di consegnarlo alla Francia perché c'è prima un dossier in Belgio da gestire". Per evitare eventuali lungaggini legate al processo di estradizione, la Francia ha emesso un nuovo mandato d'arresto europeo. "Il rifiuto della persona coinvolta di essere consegnato alle autorità straniere non è un ostacolo all'esecuzione della consegna", sottolinea il ministero francese della Giustizia.

Salah arrestato insieme a 4 complici - Il 26enne terrorista - ritenuto l'organizzatore degli attentati del 13 novembre - era tornato già all'indomani delle stragi nella capitale belga. Venerdì è stato arrestato insieme ad altri quattro complici nel corso di tre perquisizioni a Molenbeek. Rimasto ferito a una gamba, è stato dimesso stamattina dall'ospedale in cui era stato portato dopo la cattura.  

 


In fuga da 126 giorni - Il francese di origine marocchina era in fuga da 126 giorni. Ha utilizzato nel corso degli ultimi quattro mesi un falso passaporto siriano e una falsa carta di identità. Anche gli altri quattro sospetti fermati ieri a Molenbeek - Abid Aberkan, Sihane Aberkan, Djemila M. e l'uomo conosciuto sotto il nome di Amine Choukri - sono stati consegnati a un giudice. Secondo fonti di stampa, Choukri è stato posto sotto mandato d'arresto come anche Abid Aberkan, l'amico di Salah che gli ha trovato l'appartamento della rue des Quatre-Vents. Mentre la madre, che si trovava all'interno della stessa abitazione di Salah, è in libertà vigilata.

 

 

Il video dell'arresto di Salah

 

 

 

 

 

Dopo l'arresto, il lancio di oggetti contro la polizia