E’ ancora emergenza nel campo profughi di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia. Un gruppo di migranti bloccati da giorni ha occupato i binari di una linea ferroviaria che collega i due Paesi chiedendo alle autorità di Skopje di consentire loro l'ingresso in Macedonia e proseguire il viaggio lungo la rotta balcanica.

Più di 10mila nel campo profughi - Sono oltre 10 mila i migranti ammassati alla frontiera, che la Macedonia apre a intermittenza e con il contagocce facendo passare poche centinaia di persone al giorno, tante - dicono a Skopje - quanti sono gli ingressi consentiti dalla vicina Serbia. La tensione è sempre alta e la situazione umanitaria si degrada di giorno in giorno.

 


Prosegue sgombero Calais - Tensione anche a Calais, dove in queste ore prosegue lo sgombero della cosiddetta “Giungla”. Alcuni migranti iraniani si sono cuciti la bocca in segno di protesta, poi si sono messi in fila con il viso coperto da sciarpe tirate fin sotto gli occhi e hanno mostrato cartelli con le scritte "potete sentirci adesso?". Alcuni di loro si sono messi davanti alle forze dell'ordine che supervisionavano lo smantellamento.