Non sono "solo scioccata ma anche inorridita" per le sofferenze subite dai civili a causa dei raid russi in Siria. Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel ad Ankara, in una conferenza stampa congiunta con il premier turco Ahmet Davutoglu. Merkel ha spiegato che Germania e Turchia intendono fare pressioni congiunte sull'Onu per chiedere di far rispettare una risoluzione di dicembre che invitava tutte le parti coinvolte nel conflitto in Siria a interrompere immediatamente qualsiasi attacco nei confronti della popolazione civile.

 

"In queste circostanze" in cui la Russia continua i suoi raid, "è difficile che possano avere luogo dei colloqui di pace. Questa situazione deve concludersi rapidamente". Gli incontri di Ginevra sono stati sospesi la scorsa settimana dall'inviato speciale dell'Onu, Staffan de Mistura.