Ai confini del Sistema Solare, avvolto nell'oscurità e troppo lontano per riflettere la luce del sole, si nasconderebbe il 'Pianeta Nove': lo indicano i calcoli pubblicati sull'Astronomical Journal da due 'cacciatori di pianeti', Michael Brown e Konstantin Batigyn, entrambi dell'Istituto Californiano di Tecnologia (Caltech). Al momento ci sono soltanto i calcoli a indicare la presenza di un pianeta delle dimensioni di Nettuno, giudicati comunque solidi dalla comunità scientifica, ma il pianeta non è stato visto. 

 

 

Il quinto pianeta per dimensioni - Se confermata, la scoperta farebbe riscrivere i libri di astronomia e soprattutto costringerebbe a rivedere i modelli del Sistema Solare. Secondo i calcoli di Brown e Batigyn il pianeta avrebbe un diametro da due a quattro volte superiore a quello della Terra: cosa che lo renderebbe il quinto pianeta per dimensioni dopo Giove, Saturno, Urano e Nettuno.

 

 

"Un massiccio pianeta nascosto" - I due ricercatori avevano iniziato le loro ricerche con un obiettivo chiaro: demolire le ipotesi sulla teorizzata esistenza di un nono pianeta del Sistema Solare, avanzata in studi precedenti sulla base dell'osservazione di singolari concentrazioni di piccoli oggetti celesti. Tuttavia i calcoli li hanno portati a ricredersi, al punto da formulare l'ipotesi della presenza del 'Pianeta Nove'. A suggerirne l'esistenza non è stata l'osservazione diretta, ma sono state le loro orbite, che secondo i calcoli appaiono influenzate dalla forza di gravità di un "massiccio pianeta nascosto", situato ben oltre Plutone.