degli italiani, "rapiti da terroristi e liberati dall'esercito governativo". E' giallo, tuttavia, sulla vera identità dei sequestratori e, in assenza di fonti indipendenti, resta da verificare se questi fossero ribelli o lealisti del regime.

In un breve servizio andato in onda, la tv siriana ha mostrato Cantani e Tedeschi seduti su un divano, stanchi, ma in buona salute. Secondo l'emittente, i tecnici sarebbero stati prelevati da un "gruppo terroristico armato di 15 persone" nei pressi del cantiere di Deir Ali - dove erano impiegati - e liberati dalle truppe regolari durante la controffensiva lanciata ai ribelli nei sobborghi della capitale. Citati dall'agenzia ufficiale Sana, i due hanno confermato di essere stati "rapiti e vessati da un gruppo terroristico armato" e di essere stati invece liberati "dall'esercito arabo siriano (governativo)". Ma la vicenda, finché i due non saranno fuori dalla Siria, è destinata a restare tinta di giallo. Raggiunto al telefono, Cantani si è limitato a confermare le buone condizioni dei due, giudicando l'esperienza "abbastanza dura" e preferendo non dire altro fino al rientro in Italia. Secondo fonti non ufficiali, tuttavia, i due avrebbero ammesso di "non sapere" se i rapitori appartenessero alle frange ribelli o a quelle lealiste. E questo spiegherebbe anche il silenzio di Ansaldo Energia e la prudenza con cui la Farnesina è intervenuta sul caso.

"E' una fase molto delicata", ha spiegato il ministro degli Esteri Giulio Terzi poco dopo che i due italiani erano apparsi in tv, definendo il rilascio "uno sviluppo molto positivo" e assicurando che "continuiamo a seguire la vicenda attraverso tutti i canali disponibili, attivati sin dalle prime ore, al fine di favorire una sua rapida conclusione con il loro definitivo rientro in Italia". Sul caso indagherà la Procura di Roma: sul sequestro nei prossimi giorni sarà aperto un fascicolo e i due connazionali, non appena rimpatriati, saranno sentiti dagli inquirenti.

Il rapimento dei due italiani era trapelato dieci giorni fa, quando, con una telefonata al quotidiano genovese Il Secolo XIX, un testimone anonimo aveva denunciato la loro scomparsa, mentre assieme ad altri 8 colleghi erano diretti all'aeroporto di Damasco per lasciare il Paese. Più chiari i dettagli sulle identità dei rapiti, dipendenti di due ditte fornitrici di Ansaldo Energia. Cantani, 64 anni di origine venete, è residente a Ponzone, provincia di Alessandria, dove è proprietario di un negozio di ferramenta. Tedeschi (36 anni), è nato a Monopoli e residente a Roma, ha una figlia piccola e una compagna.
AddThis Stampa Articolo
video correlatiTutti i video
guarda la diretta
video MONDO
Tutti i video >

Dite la vostra a Sky Tg24
STRUMENTI
Trova cinema
Scopri tutti i film nella tua città

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2014 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi

Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Inserisci l'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato

Recupera il tuo Sky iD
Ti informiamo che a breve riceverai via mail il tuo username
Recupera username
Recupera il tuo Sky iD
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Recupera password
Username non trovato in archivio.
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...

Cerca su Sky