Mitt Romney, il candidato repubblicano alle presidenziali Usa 2012, è arrivato a Londra per partecipare all'inaugurazione delle Olimpiadi. Ma la sua presenza in terra britannica sta sollevando un polverone di polemiche per una serie di dichiarazioni denigranti sull'organizzazione dei Giochi olimpici e contro il suo rivale alla Casa Bianca Barack Obama. Affermazioni che hanno causato le repliche e lo sdegno del primo ministro inglese Cameron e del vice presidente Usa Biden.

Gli insulti a Obama - Il clima velenoso è stato inaugurato da alcuni commenti, diffusi da un collaboratore della campagna elettorale repubblicana e attributi a Romney. In queste dichiarazioni si legge che "Barack Obama ha un padre africano, non capisce le tradizioni anglosassoni". Il leader repubblicano avrebbe promesso, in caso di elezione, di riportare il busto di Winston Churchill nell'Ufficio Ovale. Secondo lo staff di Romney, che ha rilasciato queste considerazioni al Daily Telegraph, l'attuale inquilino della Casa Bianca "non capisce a pieno il passato che abbiamo in comune con la Gran Bretagna". Le pesanti affermazioni sono state subito smentite dalla portavoce di Romney che le ha bollate come "non vere". Ma questo non è bastato ad evitare una coda di sdegno da parte di Joe Biden, vice presidente degli Stati Uniti.

Critiche all'organizzazione delle Olimpiadi - Le accuse a Obama erano solo l'antipasto. Nel secondo giorno di visita a Londra, Romney ha prima incontrato il segretario laburista Ed Miliband, rivolgendosi a lui con l'appellativo di "Mr.Leader", poi si è lasciato andare a critiche veementi contro gli organizzatori dei Giochi. In particolare ha polemizzato su sicurezza e logistica dei trasporti. "Abbiamo sentito storie sconcertanti. Ci sono cose preoccupanti: le storie sulla società di sicurezza privata G4S che non ha abbastanza personale, la minaccia di sciopero degli addetti all'immigrazione a Heathrow: sono cose per nulla incoraggianti", ha dichiarato alla Nbc l'ex governatore del Massachusetts. La risposta seccata del primo ministro britannico David Cameron non si è fatta attendere: "A Mitt Romney dico di guardare a quello che siamo riuscirti a realizzare anche in questi tempi di crisi economica".