Guarda anche:
Io e il mio iPhone, ecco come mi ha cambiato la vita
Tutte le notizie sugli smartphone
I tablet del 2011

"Tu ami il tuo I-Phone, letteralmente". Così il New York Times ha titolato un articolo nel quale riporta una ricerca scientifica di Martin Lindstrom. Lo studioso ha analizzato i comportamenti dei possessori del gioiellino tecnologico della Apple. Arrivando alla conclusione che questo telefono produca negli utenti un sentimento forte, simile all'amore. Secondo Lindstrom, le persone che dimenticano l'I-Phone a casa provano una sensazione di vuoto, di stress emotivo, molto simile all'ansia che si prova quando il proprio partner è lontano e di lui non si hanno più notizie. Lo studioso ha stilato un elenco dei dieci suoni che causano le maggiori emozioni. E la suoneria del proprio cellulare è al terzo posto, dopo il pianto di un figlio e il cosiddetto 'intel chime', cioé il suono del computer quando si accende.

La dipendenza diventa in molti casi compulsiva. Secondo Lindstrom si sta diffondendo la sindrome della "vibrazione fantasma", che si manifesta nelle persone che pensano di aver ricevuto una chiamata e in modo spasmodico svuotano borse o tasche pur di verificarlo. Un
altra manifestazione patologica è il "controllo compulsivo", ovvero il maneggiare il cellulare per verificare in continuazione se ci siano chiamate o sms. Tutta colpa delle dopamine, gli stessi neurotrasmettitori stimolati dalle dipendenze da droga, alcool e gioco d'azzardo. La soluzione, secondo Lindstrom, è semplice. Spegnere il telefono e comprare una bottiglia di champagne da condividere con la propria dolce metà.