Guarda anche:

FOTO: Londra: le foto prima e dopo la rivolta - Così sale la tensione su Twitter - Saccheggi a Birmingham - Fiamme a Croydon - Hackney - Tottenham - La prima notte di guerriglia - Le prime pagine - L'Album

VIDEO: La protesta su Youtube - Saccheggi a Clapham

NEWS
Torna la calma a Londra. Cameron: "La linea dura paga" - In migliaia contro le proteste su Twitter e Flickr - Gli studenti italiani: "Tutti a casa alle 21.30" - Palazzi in fiamme,la terza notte di protesta - La miccia che ha scatenato la rivolta - Il tam tam via blackberry per oscurare Scotland Yard - Annullata l'amichevole Inghilterra-Olanda - "Duggan era armato ma non sparò": il rapporto della polizia

DALLA RETE: La notte di Londra in un minuto - Cronache live dalla Rete

(In fondo all'articolo tutti i video sugli scontri)

di Andrea Dambrosio


Si chiama Asyraf Haziq, ha 20 anni ed è uno studente malese che frequenta il Kaplan International College. Il video della sua aggressione (guarda in fondo all'articolo) ha fatto il giro del mondo. Una delle immagini più drammatiche uscite dalla rivolta londinese di questi giorni. Lunedi 8 agosto, sono le 7 del pomeriggio. Barking East, zona Est di Londra: c'è un giovane a terra ferito, sembra perdere sangue dalla bocca. Un gruppo di ragazzi si avvicina, lo aiuta a rialzarsi, ma lo fa solo per frugare nel suo zaino. E derubarlo. Lui, stralunato e dolorante, si allontana.

Adesso il sito Internet The Star, edizione online dell'omonimo quotidiano malese in lingua inglese, ha dato un nome e un cognome alla vittima, ha raccolto la testimonianza di parenti e amici e ha ricostruito così la storia: Asyraf Haziq stava camminando per strada con alcuni amici. Era uscito per comprare del cibo (è periodo di Ramadan, ricorda The Guardian) quando "è stato aggredito da un gruppo di gangster": i suoi amici sono riusciti a scappare, Asyraf purtroppo no.
Adesso è ricoverato al Royal London Hospital: ha denti e mascella rotta e dovrà essere operato.
"All'inizio ero molto preoccupata ma ora sono felice di sapere che va tutto bene", ha detto  la madre del giovane, Maznah Abu Mansor, che ha poi aggiunto a The Star: "Comunque sia al momento non posso parlare con lui per via delle sue ferite". Ad Asyraf è arrivata anche la solidarietà e l'affetto degli amici e di migliaia di persone sul web, e in particolare su Twitter (hastag #getwetllsoonashrafhaziq) dove sono state pubblicate anche alcune sue foto in ospedale. Nessuna traccia, invece, dei suoi aggressori.

Secondo la ricostruzione della Bbc, che ha raccolto testimonianze nella comunità malese, il giovane in realtà sarebbe stato aggredito mentre era in bicicletta con un gruppo di amici. Un gruppo di ragazzi lo avrebbe avvicinato e un giovane, di 12 anni al massimo secondo Asyraf, gli ha strappato la bicicletta. Un altro gli ha portato via il cellulare, mentre un terzo lo ha colpito con un pugno o con un oggetto. Quando poi lo studente malese si è ripreso - e da qui parte il filmato su Youtube - viene "soccorso" da un altro gruppo di persone, che lo deruba della consolle che aveva nello zaino.

In Gran Bretagna, scrive The Guardian, studiano circa 13.600 giovani malesi (poco meno secondo la Bbc). La rivolta di Londra ha generato un clima di paura anche nella comunità malese, che ha invitato i propri connazionali alla massima prudenza.





Guarda tutti i video sugli scontri di Londra: