Scontri e tensioni durante il corteo a Londra contro i tagli alla spesa pubblica annunciati dal governo conservatore britannico. La marcia, iniziata in maniera pacifica, è degenerata a quanto sembra a causa di un gruppo di anarchici e anti-capitalisti che hanno messo a ferro e fuoco il West End, tentando di occupare negozi, tra cui 'Fortnum & Mason', il 'tempio' del te' sulla Piccadilly.
Secondo il bilancio fornito da SkyNews (SEGUI LA DIRETTA) e dalla BBC i manifestanti fermati nel corso delle proteste sarebbero più di 200. Sono accusati di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento di propietà pubbliche e private. Si parla anche di 35 feriti, tra i quali cinque agenti della Metropolitan Police.
"Non erano legati al resto della manifestazione", ha detto Scotland Yard accorsa in assetto antisommossa chiedendo ai negozianti di abbassare le saracinesche.
I tafferugli sono andati avanti fino a notte fonda

La manifestazione, la più imponente convocata nella capitale inglese dalla marcia del 2003 contro la guerra in Iraq, è cominciata intorno a mezzogiorno nella zona di Victoria Embankment, sul Tamigi, e ha raggiunto Hyde Park, dove hanno parlato, tra gli altri, il segretario generale della Tuc (la confederazione sindacale britannica, Trade Union Congress), Brendan Barber, ed il leader del Partito Laburista, Ed Miliband.

Segui la diretta di SkyNews

Il resoconto della Bbc

Il resoconto del Sun

Tutte le foto della marcia di Londra contro i tagli dal Guardian