SEGUI LE PREVISIONI METEO

Londra innevata: FOTO
L'Italia e l'Europa sotto la neve: FOTO
Da Ostia al Colosseo: anche Roma è sotto la neve

Non solo l'Italia. Il maltempo continua a colpire l'Europa centro-settentrionale, investita negli ultimi giorni da fitte nevicate e da freddo intenso che stanno provocando pesanti ritardi nei trasporti aerei, stradali e ferroviari, già messi a dura prova per le festività natalizie.

FRANCIA - Il rischio del crollo del tetto dell'aeroporto di Parigi Charles de Gaulle per la troppa neve accumulatasi ha indotto le autorità ad evacuare il Terminal 2 dove si trovavano circa 2.000 persone. A maggio del 2004 la stessa struttura, da poco inaugurata, crollò per un cedimento. "Non c'è stata una vera evacuazione - ha dichiarato il vicedirettore della società che gestisce lo scalo - abbiamo solo chiesto ai passeggeri di lasciare la zona al di sopra della quale si trova questo grosso accumulo di neve". C'è infatti, ha spiegato Cathelin, un punto della campata del tetto su cui si è depositato uno strato di neve "superiore al livello ammissibile per questo genere di edificio".

Ma intanto sono più di 400 i voli annullati all'aeroporto parigino a causa della neve tornata a cadere sulla capitale francese nella notte. Difficoltà anche per la circolazione sulle strade, soprattutto nel Nord della Francia, dove la gran parte delle arterie secondarie sono bloccate a causa della neve. Nel Nord-Pas de Calais, la regione più settentrionale del Paese, oltre 800 persone rimaste bloccate su tratti inagibili, riferiscono fonti locali, sono state ospitate per le notte in rifugi d'emergenza. 

GERMANIA - Il ghiaccio ha bloccato ferrovie e molte autostrade, causando numerosi incidenti. In uno di questi, sull'autostrada fra Berlino e Monaco, è morta una persona, mentre in un altro incidente sono rimaste coinvolte oltre 50 vetture. Nuove precipitazioni sono annunciate nelle prossime ore sul nord del paese mentre il traffico ferroviario è stato interrotto per tutta la notte a causa del ghiaccio sulla linea Hannover-Berlino. L'aeroporto internazionale di Francoforte è questa mattina ad un livello considerato di quasi normalità ma sono previste nuove nevicate, anche nella zona di Amburgo. Secondo l'Istituto di meteorologia di Berlino, la capitale tedesca non aveva visto tanta neve dal 1908.

GRAN BRETAGNA - Pesantemente colpita negli ultimi giorni da intense nevicate, la situazione trasporti sta lentamente migliorando. Il tempo ha concesso una tregua per il Natale, ma le previsioni indicano un peggioramento nei giorni seguenti. Quasi normalizzati i collegamenti dell'Eurostar.

BELGIO - Trasporti nel caos oggi per le nuove abbondanti nevicate cadute nella notte: strade, autostrade e ferrovie pesantemente toccate in tutto il paese mentre a Bruxelles bus e taxi non possono circolare a causa delle strade che non sono state sgombrate. Nonostante i numerosi appelli,  alle 10:00 di questa mattina su tutta la rete stradale nazionale gli ingorghi segnalati avevano raggiunto un totale di 500 km. I treni che circolano hanno ritardi pesantissimi e secondo la radio gli utenti stanno denunciando gravi disservizi.    Dappertutto, soprattutto in Vallonia, strade e autostrade offrono lo stesso spettacolo: auto abbandonate e camion bloccati o posti di traverso a causa del ghiaccio. Anche il traffico aereo è stato toccato pesantemente e centinaia di passeggeri hanno passato la notte negli hotel o all'aeroporto Cherleroi a causa dei numerosi voli annullati ieri. In particolare sono stati annullati voli per Milano, Madrid e Praga e gli altri registrano forti ritardi.

Intanto questo inverno si rivela 'record' anche dove il freddo non è certo una novità come in Siberia dove, nella repubblica di Sakha (ex Yakutia), territorio dell'estremo est russo, la vigilia di Natale le temperature sono scese fino a -60 gradi e gli esperti prevedono che si potrebbero abbassare ancora nei prossimi giorni. Record anche a Seul dove la colonnina di mercurio è scesa a -15,1 gradi, la temperatura pi- bassa registrata negli ultimi trent'anni.