La Ferrari ha debuttato a Piazza Affari. Dopo l'esordio a Wall Street dello scorso ottobre e dopo la separazione da Fca, la casa di Maranello ha iniziato le contrattazioni anche alla Borsa di Milano.
"Con la quotazione si è aperto un nuovo capitolo. E' un nuovo traguardo, una nuova partenza", ha detto il presidente di Ferrari Sergio Marchionne. "Competere sul listino di Milano per la Ferrari è come tornare alle origini", ha aggiunto (VIDEO).

Renzi: "Nel 2016 corriamo verso il futuro" - La quotazione della Ferrari in Borsa è "una straordinaria occasione per gli investitori", ha detto invece il presidente del Consiglio Matteo Renzi, presente alla cerimonia. "Poter quotare anche a Milano la Ferrari - ha aggiunto - è un gesto molto bello e importante e credo che debba essere seguito anche da altre realtà. Credo che questo sia il momento in cui l'Italia debba smettere di giocare con gli alibi" (VIDEO).
"Vorrei che il 2016 fosse l'anno in cui recuperiamo i ritardi e iniziamo a correre verso il futuro", ha quindi aggiunto il premier (VIDEO). "Il governo ha chiuso l'anno con l'inaugurazione della Variante di valico e delle Domus di Pompei, due opere su cui eravamo in ritardo. Il 2016 lo inauguriamo simbolicamente qui in Borsa", ha sottolineato.




Ferrari tiene al debutto a Piazza Affari - Le contrattazioni hanno preso il via alle 9. Per la Ferrari un debutto in tenuta: in una giornata 'nera' per le Borse europee, in particolare per il settore auto, il Cavallino ha chiuso a 43,67 euro (sopra i 43 dell'avvio). Davanti al Palazzo della Borsa, come era avvenuto a New York in occasione della quotazione a Wall Street, è esposta l'intera gamma della casa di Maranello: una decina di modelli tra i quali l'ultima nata, la F12 Tdf.