“Nessun problema e nessun rischio di sostenibilità”. Così il presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua, commenta a SkyTG24 il rosso nei conti di quasi 6 miliardi di euro nel 2012, dovuto al 'buco' dell'ex Inpdap, l'Istituto di previdenza per i dipendenti della Pa.
Nelle ore scorse il Consiglio di sicurezza e di vigilanza dell’ente aveva notato che "l'assunzione da parte dell'Inps del deficit imputabile al soppresso Inpdap avrebbe comportato nel breve periodo un problema di sostenibilità dell'intero sistema pensionistico pubblico".
“Il sistema italiano è sostenibile – spiega Mastrapasqua – ed è stata certificato da tutte le riforme che sono state fatte, da ultima quella Monti-Fornero che ha avuto il gradimento della Commissione Europea , dell'Ocse, della Banca d'Italia".
Il governo – ha poi proseguito – interverrà come previsto e non ci sarà alcun problema per le erogazione delle pensioni nei prossimi anni.
E rassicurazioni arrivano anche dal ministro del Lavoro Elsa Fornero, secondo cui "non c'è nessun rischio pensioni, i dati resi noti ieri sul deficit dell'Inps sono noti e non serve appostare nuove risorse: se super Inps sarà fatta bene potrà portare risparmi"