“Alza la tua voce, non il livello del mare” è motto della Giornata Mondiale dell’Ambiente organizzata dell’UNEP, United Nations Environment Programme, per il prossimo 5 giugno. Come per le passate edizioni, anche per quella del 2014 l’agenzia dell’ONU ha scelto di puntare i riflettori su un tema specifico. E per quest’anno si tratta dei “piccoli stati insulari in via sviluppo” (in inglese definiti con l’acronimo SIDS - Small Island Developing States). Di questa categoria fanno parte nazioni-isola del Mar dei Caraibi, dell’Oceano Indiano e del Pacifico, accomunate da un’economia ancora instabile e una forte esposizione ai disastri naturali. Tra cui, uno dei più preoccupanti, è proprio l’innalzamento del livello delle acque dovuto al surriscaldamento climatico.

Secondo i dati dell’UNEP, negli ultimi 100 anni il livello del mare globale è cresciuto di un intervallo che va dai 10 ai 25 cm. Se si continua con questo trend, presto intere aree del pianeta potranno essere sommerse dalle acque. Questa infografica di Information is Beautiful offre un’efficace visualizzazione di come potrebbero presto scomparire città come Venezia, Amsterdam, San Pietroburgo.


Proprio per attirare l’attenzione sulla sfida delle piccole isole, quest’anno l’UNEP ha deciso di coinvolgere una serie di personalità dello spettacolo e dello sport come la supermodella Gisele Bündchen, il calciatore Yaya Touré, gli attori Ian Somerhalder (The Vampire Diaries) e Don Cheadle. Questi 4 “ambasciatori” sono stati coinvolti in una sfida social per convincere i propri fan ad “alzare la voce” a colpi di messaggi su Twitter, Facebook e LinkedIn

La supermodella Gisele si è impegnata a ridurre l’impronta “alimentare”, per contenere la quantità di cibo che ogni giorno finisce nei cassonetti della spazzatura con un enorme dispendio di risorse idriche e un diretto contributo all’aumento dell’anidride carbonica.


Ian Somerhalder, attore di culto dei The Vampire Diaries, si è invece impegnato ad adottare uno stile di vita più green, moderando i consumi di energia non rinnovabile.



Yaya Touré, centrocampista del Manchester City e della nazionale della Costa d’Avorio, ha invece fatto propria la lotta conto l’utilizzo della plastica, e così convincere i propri fan a ridurre l’acquisto di prodotti con materiali inquinanti.



Infine l’attore e produttore Don Cheadle (noto per la sua interpretazione in Hotel Rwanda del 2005) punta il dito contro le energie non rinnovabili responsabili dell’emissione di gas serra.



I fan dei quattro testimonial si sono già scatenati a suon di messaggi condivisi online. Fino ad ora a guidare la classifica è il “team” di Ian Somerhalder con quasi 2000 messaggi, inseguito da quello di Gisele Bündchen (oltre 1300).
Ad ogni modo la giornata internazionale dell’ambiente prevede molte altre attività online, tra cui una tweetathon, e cioè una maratona di tweet da scatenare per il giorno del 5 Giugno.


La partecipazione online in occasione del WED è sempre molto alta. Per l’edizione 2013, sono stati pubblicati oltre 200.000 post, più di 26.000 articoli. Su Twitter l’argomento è diventato trending topic in 15 paesi, con 47,6 messaggi visualizzati nella sola giornata dell’evento. I video con le sfide delle star sono già stati proiettati a Piccadilly Circus (Londra) e a Times Square (New York), sensibilizzando così centinaia di milioni di passanti.