La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta sulla morte di una donna di 32 anni deceduta nell'ospedale Cannizzaro, dopo avere avuto gli aborti spontanei di due feti alla 19esima settimana di gravidanza. Il fascicolo è stato aperto, come atto dovuto, dopo la denuncia dei familiari della 32enne.

 

Medico obiettore si sarebbe rifiutato di intervenire - La donna, al quinto mese di gravidanza, era stata ricoverata in ospedale il 29 settembre per una dilatazione dell'utero anticipata. Secondo la ricostruzione del legale della famiglia, l'avvocato Salvatore Catania Milluzzo, la situazione sarebbe precipitata "dal 15 ottobre", quando la donna ha manifestato "febbre alta", "collassi e dolori lancinanti" "la pressione arteriosa bassa". E, secondo quanto riferito dai familiari, quando uno dei due feti ha manifestato segni di sofferenza il medico di turno si sarebbe rifiutato perché obiettore: "Fino a che è vivo io non intervengo", avrebbe detto loro.

 

Sarà disposta l'autopsia - Il procuratore Carmelo Zuccaro ha disposto il trasferimento della salma in obitorio, bloccando i funerali che erano stati organizzati nel paese del Catanese di cui la donna era originaria, e il sequestro della cartella clinica. La magistratura disporrà l'autopsia dopo avere identificato il personale in servizio che sarà indagato, come atto dovuto, per omicidio colposo per potere eseguire l'esame autoptico.