"Abbiamo un riscontro tecnico preciso circa la possibilità che stesse organizzando un attentato a Roma". Così il Procuratore capo di Campobasso, Armando D'Alterio, spiegando alcuni dettagli dell'operazione della Digos di Campobasso che questa mattina ha portato al fermo, in un centro di accoglienza a Campomarino (Campobasso), di un giovane imam somalo, 22 anni, richiedente asilo.

Gli inquirenti hanno accertato che oggi il ragazzo sarebbe fuggito dalla struttura che lo accoglieva, probabilmente per andare a Roma. "Cominciamo dalla stessa Italia, andiamo a Roma e cominciamo dalla stazione”: è questo, secondo le intercettazioni, quanto avrebbe detto il giovane imam.

"Il rischio zero non esiste, ma l'arresto a Campobasso dimostra che il sistema di prevenzione funziona”, ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano.