Torturato anche con una serie di coltellate alla gola che non sarebbero però risultate definitive ma, di fatto, gli hanno impedito di poter urlare. L'arma è rimasta conficcata nel petto e rimossa solo dal medico legale. Questo quanto stabilito l'autopsia.

Altri dettagli raccapriccianti sull'omicidio di Luca Varani emergono dagli interrogatori. Ad ammazzare il giovane è stata una coltellata al cuore, avrebbe detto Manuel Foffo, uno dei due arrestati, spiegando che il colpo mortale è stato inferto da Marco Prato. “Poi abbiamo passato la giornata e dormito con il morto in casa”, avrebbe raccontato ancora il proprietario dell’appartamento durante l’interrogatorio in carcere.

Oggi, mercoledì 9 marzo, c'è l'interrogatorio di garanzia di Manuel Foffo e Marco Prato.