"Loris lo ha ucciso mio suocero, Andrea Stival. Ho ricordato tutto quando sono andato a trovarlo al cimitero, ma non l'ho detto prima perché avevo paura che uccidesse anche il bimbo più piccolo". Il movente: "eravamo amanti". E' la nuova verità di Veronica Panarello fatta a gennaio a una psicologa del carcere di Catania, dove è detenuta con l'accusa di avere strangolato il figlio di 8 anni, il 29 novembre del 2014 nella loro casa di Santa Croce Camerina.

 

“Ennesima follia” - Una ricostruzione che il suocero bolla come "l'ennesima follia della donna". "Sono tranquillo - dice Andrea Stival - la mia posizione è stata vagliata da investigatori e magistratura dettagliatamente". La sua nuova verità Veronica vuole che a sentirla sia anche la Procura di Ragusa, chiedendo di informare i magistrati dell'inchiesta. La direzione della prigione lo fa. Ma quando il Pm va a raccogliere la sua testimonianza lei non dice nulla di rilevante, sostenendo che è diventata famosa, e che la conoscono anche a Hollywood.

 

Nessuna telecamera ha ripreso l'uomo - A gennaio alla psicologa aveva spiegato che il movente sarebbe stato qualcosa che il piccolo "aveva visto e che non doveva vedere", e avanza l'ipotesi che il suocero fosse l'amante. Fornisce poi una prima ricostruzione: ha accompagnato il figlio più piccolo a scuola e quando è tornata a casa ha trovato Andrea Stival che ha ucciso Loris. Ma nessuna telecamere riprende l'uomo entrare in casa quel giorno.