Era troppo bella. Non era più sua però. E voleva sfregiarla, come poi ha fatto, con l'alcol, senza preoccuparsi che il suo gesto avrebbe potuto uccidere non solo la compagna, ma anche la figlia, la sua, che la donna portava in grembo. La circostanza emerge dall'interrogatorio che Paolo Pietropaolo - l'uomo di 40 anni che a Pozzuoli (Napoli), ha dato fuoco a Carla Ilenia Caiazzo, 38 anni - ha reso davanti al pm della Procura della Repubblica di Cassino nella caserma dei carabinieri di Formia (Latina), dopo essere stato fermato.

 

"Volevo sfregiarla, è troppo bella" - "Non avevo intenzione di uccidere Carla... - dice rispondendo al pm - dopo averle dato fuoco, non l'ho nemmeno investita nonostante avessi potuto. Avevo intenzione di sfregiare il viso di Carla che e' una ragazza molto bella", ha detto ancora al pm Roberto Bulgarini.

Il video della fuga -  Intanto, vengono rese note le immagini della fuga di Pietropaolo dopo aver dato fuoco a Carla Ilenia Caiazzo. Il video, ripreso col telefonino da un passante attirato dalla serie di manovre azzardate e pericolose dell’uomo, restituiscono la folle corsa di Pietropaolo al volante della sua Lancia Y; il tragitto in auto finisce con lo schianto contro un guardrail. Né lui, né altre persone restano ferite nell’incidente.

 

Tentato omicidio pluriaggravato - Il 40enne è ora in carcere a Cassino ed è accusato del tentato omicidio pluriaggravato della 38enne, fatta partorire con cesareo a Napoli all'ospedale Cardarelli prima di essere intubata e curata nel centro grandi ustionati con lesioni sul 50% del corpo.

 

A Pozzuoli, i cittadini scendono in piazza e orgnizzano una fiaccolata per Carla, ricoverata ancora in gravi condizioni: LE FOTO