Un 'inverno pazzo', eccezionalmente mite senza pioggia. E continuano a preoccupare i livelli di smog così come la siccità che colpisce il Po e i grandi laghi italiani. Le previsioni dei meteorologi sono di temperature primaverili con massime vicine a 15 gradi in gran parte dell'Italia.

A inizio settimana si prevede un ulteriore aumento della temperatura. Il tempo sarà prevalentemente stabile e spesso soleggiato su molte regioni della Penisola. La grave mancanza di pioggia dovrebbe attenuarsi nella seconda parte della settimana. 


Smog e misure anti-inquinamento - La conseguenza cittadina dello strano inverno di quest'anno resta lo smog. Roma ha fatto i conti con le misure imposte per la domenica ecologica. Dal 1 febbraio a Milano scattano le misure anti smog previste dal Protocollo della Città Metropolitana in caso di superamento per dieci giorni consecutivi della soglia media giornaliera di 50 microgrammi per metro cubo di Pm10. E' inoltre prevista la diminuzione di 1 grado centigrado dei riscaldamenti, e la riduzione di due ore della durata di accensione degli impianti.

 

A Napoli divieto di circolazione, sull'intero territorio comunale, dal primo al 6 febbraio, dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 19:30, a eccezione dei veicoli elettrici, delle auto a gpl e a metano e delle vetture con almeno tre persone a bordo, escluse le più inquinanti, Euro 0 ed Euro 1.




Allarme siccità -
Dopo il mese dicembre con il 91% di precipitazioni in meno rispetto alla media, a gennaio in Italia sono caduti praticamente gli stessi millimetri di pioggia di agosto con pesanti effetti per lo smog in città e una storica siccità nelle campagne. Sul Po sembra di essere in estate con livelli idrometrici che sono inferiori di circa 2 metri rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La situazione è grave anche nei laghi: il lago Maggiore è al 17% della sua capacità ed il lago di Como è addirittura sceso al 12% mentre quello di Garda al 33%.

Lo skywall: