Una quarantina di richieste di intervento per alberi caduti, una donna lievemente ferita dalla caduta di un ramo, una decina di interventi per danni ai tetti di case e capannoni: sono gli effetti del maltempo che si è abbattuto su Verona e provincia.  La donna - una trentenne - ha riportato solo lievi ferite. Tra gli interventi, un capannone scoperchiato dal tetto pericolante vicino alla stazione ferroviaria, dove i vigili sono intervenuti con autogru e autoscala. Il maltempo, senza danni, si è sfogato come temporale anche su Treviso e Vicenza, con qualche allagamento e un paio di piante cadute.

Il nubifragio che si è abbattuto sul veronese è causato da una perturbazione di origine atlantica che sta determinando instabilità al Nord. Un forte temporale con vento e
grandine si è abbattuto anche su Milano, causando rallentamenti al traffico e ammaccature alle auto. Nel comasco, a causa di un fulmine che ha colpito un tetto, all'alba ha preso fuoco un'abitazione.

Il maltempo da domenica arriverà anche sulle regioni centro-meridionali, specie quelle del versante adriatico, portando con sé‚ anche un sensibile calo delle temperature.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche, che prevede dalla mattina di domenica 22 luglio, il persistere di precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, in rapida estensione dalle Marche, ad Umbria, Lazio orientale, Abruzzo, Molise e successivamente a Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Inoltre sono previsti venti da forti a burrasca, dai quadranti settentrionali, su Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna, in estensione a tutte le regioni centrali e meridionali e alle due isole maggiori. Saranno inoltre possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Nubifragio a Verona: guarda il video da Youtube