Dopo la prova di italiano, i 497.310 candidati (23.944 privatisti) della Maturità 2012 affrontano giovedì 21 giugno il secondo scritto. Anche questo, come il primo, è predisposto dal ministero (che alle 8:30 ha pubblicato sul sito la chiave ministeriale per estrarre e decrittografare il testo della prova contenuta nel  plico telematico), ma varia da indirizzo a indirizzo. Ha come obiettivo quello di accertare che il candidato abbia specifiche conoscenze relative al corso di studi frequentato.

La prova può essere articolata in più proposte a scelta del maturando che può decidere anche la lingua in cui svolgere la traccia proposta nel caso per il suo corso di studi sia uscita come materia la lingua straniera. Quest'anno gli studenti si dovranno cimentare con Greco al Classico (per la versione è stato scelto un brano di Aristotele), Matematica allo Scientifico (quesiti di geometria analitica e un'applicazione del teorema di Lagrange), Lingua straniera al Linguistico, Pedagogia al Pedagogico, Figura disegnata all'Artistico.

Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Per questa ragione la seconda prova può essere svolta, come per il passato, in forma scritta o grafica o scritto-grafica o scritto-pratica, utilizzando, eventualmente, anche i laboratori dell'istituto.
Restano validi i divieti all'uso di telefonini, palmari pc e affini. In classe ammessi soltanto, come da tradizione, dizionari di lingua e calcolatrici non programmabili.

Intanto sono migliaia gli studenti che hanno commentato in Rete le tracce della prima prova di italiano: Eugenio Montale, i giovani e la crisi, la responsabilità della scienza, Hannah Arendt e lo sterminio degli ebrei da parte dei nazisti (qui il documento del Ministero con tutte le tracce).