Percepiva la pensione di invalidità ma lavorava come bidella presso una scuola. I finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Empoli hanno messo agli arresti domiciliari, su ordine del Gip presso il Tribunale di Firenze, una donna e un uomo indagati per truffa aggravata in concorso e falso materiale.

La donna, in occasione delle varie visite mediche, ha fatto credere di essere affetta da cecità assoluta per usufruire della pensione di invalidità e degli assegni di accompagnamento.
Le indagini svolte dalle Fiamme Gialle hanno permesso di accertare, in un modo inequivocabile, che non è affetta da cecità assoluta ed, anzi, attualmente svolge le normali mansioni di bidella presso un istituto scolastico di Empoli.
Alterando un certificato rilasciato dalla Asl di Empoli avrebbe poi indotto i dirigenti scolastici di 3 scuole di Empoli, presso cui ha prestato la sua attività lavorativa, a concederle permessi retribuiti per un totale complessivo di 110 giorni.