VAI ALLO SPECIALE SCUOLA
Scuola: tagli, proteste, manifestazioni. TUTTE LE FOTO


Sindacati e associazioni studentesche hanno in programma per le prossime settimane un fitto calendario di scioperi e di iniziative di protesta contro i tagli previsti per il settore dell'istruzione. A metà settembre, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ribadito che occorre assicurare alla scuola maggiori investimenti e incoraggiare il merito e un recente rapporto dell'Ocse ha rilevato che la spesa per l'istruzione arriva in Italia al 9% della spesa pubblica globale, a fronte di una media del 13,3% nei paesi "sviluppati".

Nelle scorse settimane la questione dei precari - sono circa 230.000 quelli del settore - ha provocato forti polemiche, e recentemente il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini ha detto che sarà possibile assorbirli in sette-otto anni. Si inseriscono in questo contesto le molte manifestazioni di protesta previste per il mese prossimo. Si parte l'8 ottobre con la Cgil che ha indetto uno sciopero di un'ora. "I tagli pesantissimi a scuola, università e ricerca, il netto peggioramento della qualità del lavoro nelle scuole non statali e la crisi devastante della formazione professionale richiedono risposte di lotta all'altezza dello scontro", si legge sul sito di Flc Cgil che annuncia altre iniziative del genere fino a dicembre.

Nella stessa giornata, in cui ha indetto uno sciopero anche Unicobas, scenderà in piazza anche la Rete degli studenti, che ha organizzato in tutte le città del Paese una mobilitazione nazionale contro la riforma Gelmini e il precariato: "Non ci sarà una mobilitazione nazionale, ma stiamo organizzando iniziative di protesta in tutte le città", ha spiegato la portavoce Sofia Sabatino aggiungendo che la Rete è presente in una trentina di città. Per l'università, la scorsa settimana, il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ha annunciato che il governo rivedrà gli stanziamenti agli atenei nell'arco dei prossimi due mesi, aggiungendo che la nuova dotazione sarà inserita in un decreto
legge varato a dicembre.

Altre due importanti sigle sindacali come Cisl e Uil invece hanno deciso di organizzare un'unica manifestazione nazionale, il 9 ottobre a piazza del Popolo a Roma, in cui confluiranno "i problemi dei diversi settori, tra cui anche la scuola", come ha spiegato il segretario generale di Cisl Scuola, Francesco Scrima. Secondo le due sigle, "una politica fiscale che riduca le tasse sui lavoratori, sui pensionati, sulle famiglie e sulle imprese può contribuire in maniera decisiva al rilancio della domanda interna e dei consumi, indispensabile per far
tornare a crescere la nostra economia".

Il 15 ottobre sarà poi la volta dei Cobas che hanno indetto uno sciopero generale della scuola che riguarderà i docenti e il personale Ata che si asterranno dal lavoro per tutta la giornata. "Ci saranno manifestazioni territoriali in tutte le città ma non una manifestazione nazionale e con noi manifesteranno anche gli studenti. Abbiamo ricevuto le adesioni degli studenti di 'Senza tregua' e di varie strutture dei precari di Campania e Sicilia", ha detto Piero Bernocchi, portavoce nazionale di Cobas scuola che conta circa "40- 50.000
iscritti".

Gli studenti dell'Udu - Unione degli universitari - hanno in programma per il 4-5-6 ottobre alcune iniziative di protesta negli atenei ma "non sono previsti cortei", ha messo in chiaro il coordinatore Giorgio Paterna. Inoltre l'Udu ha in programma un presidio davanti a Montecitorio dove tra il 10 e il 12 di ottobre la Camera dovrebbe discutere il ddl sull'Università.