Vai allo speciale sulla Scuola

Sono più che dimezzate le bocciature alla maturità 2010: gli alunni che non hanno superato l'esame di stato sono stati l'1,1% contro il 2,5% dell'anno scorso.
E' quanto emerge dai dati del ministero dell'istruzione - di fatto definitivi (sono riferiti al 95,5% delle scuole) - sull'esame di maturità.
La percentuale di studenti non ammessi è stata del 6,6% con un aumento, rispetto allo scorso anno, di un punto e mezzo percentuale. In particolare, gli alunni ammessi agli esami sono stati il 93,4% (erano il 94,9% l'anno precedente), i diplomati sono stati il 98,9% (97,5%).

Gli alunni che hanno conseguito la lode sono stati 4.126 (l'1,1%). Il riconoscimento si concentra nelle regioni del Sud: la Calabria è al primo posto (2,1%); segue la Puglia (1,8%). A Reggio Calabria, ad esempio, una scuola ha avuto 26 alunni che si sono diplomati con 100 e lode su un totale di 315, (8,3%).
Consistente è anche il numero dei ragazzi che hanno ottenuto 100 come voto finale, votazione che comunque si colloca nella fascia dell'eccellenza, attribuita a 20.833 candidati. Come nel caso delle lodi, la concentrazione dei 100 per scuola è più alta al Sud; se si considerano le scuole in cui si sono diplomati più di 20 studenti con la votazione di 100, il 73% di queste si trova nelle regioni del Sud.

Un esempio è la Campania in cui in una scuola si sono diplomati 52 alunni con la votazione di 100 (15%). Per quanto riguarda gli scrutini della scuola secondaria di secondo grado, gli studenti ammessi alla classe successiva nello scrutinio finale sono pari al 58,9% (era 58,2% l'anno scorso); quelli che invece dovranno essere scrutinati nuovamente a seguito di sospensione del giudizio rappresentano il 27,8% (27,7%); mentre i non ammessi alla classe successiva sono pari al 13,3% (14,1%). Ad avere il miglior risultato è il liceo classico, con il 73% di alunni ammessi, il 22% di alunni con giudizio sospeso e il 5% di non ammessi; un dato che conferma quello dello scorso anno scolastico.
Il tipo di scuola che mostra invece risultati meno brillanti - anche qui si conferma quanto avvenuto lo scorso anno - è l'istituto professionale con appena il 46,1% di ammessi, il 30,4% di sospesi in giudizio e il 23,5% dei non ammessi nello scrutinio di giugno.