"Copie del filmato sono ancora in possesso degli indagati, ne discende l'attualita' del pericolo di reiterazione". Questo uno dei passaggi delle 124 pagine della motivazione con cui il Tribunale del Riesame di Roma, presieduto da Francesco Taurisano, ha confermato la custodia cautelare in carcere per i carabinieri che fecero irruzione nell'appartamento della trans Natalie, il 3 luglio scorso sorprendendola insieme con l'ex presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, secondo l'accusa, filmando l'incontro.

Il Riesame ha scarcerato il maresciallo Nicola Testini, confermata la custodia cautelare per Carlo Tagliente e Luciano Simenone e disposto i domiciliari per Antonio Tamburrino, il "mediatore" per la vendita del filmato con l'agenzia "Photo Masi".


Guarda anche:

La madre di Brenda: "Voglio giustizia"
La morte del pusher Cafasso per finta coca
Brenda, la vicina di casa a SKY TG24: "Era minacciata"
Brenda, la transessuale coinvolta nel caso Marrazzo
Brenda, parla China: "Aveva foto compromettenti"