Libero e sostanzialmente scagionato da quasi tutte le accuse. Natale a casa per Luciano D'Alfonso, ex sindaco e segretario regionale del Pd. Dopo dieci giorni trascorsi agli arresti domiciliari, il giudice per le indagini preliminari, Luca De Ninis, gli notificherà la revoca della misura cautelare e con essa un atto che, di fatto, lo sottrae dai capi d'imputazione. D'Alfonso potrebbe ora ritirare le dimissioni dalla carica di sindaco.