Il loro operato ha leso gravemente la credibilità della magistratura. In sostanza con questa motivazione la prima commissione di palazzo dei Marescialli ha deciso il trasferimento d'ufficio, per incompatibilità ambientale e funzionale, dei magistrati protagonisti dello scontro tra le procure di Salerno e Catanzaro. Un atto che arriva dopo il sollevamento dagli incarichi dei capi degli uffici giudiziari delle due città in questione. "Quando arriveranno le carte, vedremo", ha risposto il procuratore generale della cassazione Vitaliano Esposito.