E' attesa per oggi a Brescia la sentenza di appello nel processo per l'omicidio di Hina,la ragazza pakistana ventenne uccisa nell'agosto del 2006 perché voleva vivere secondo i costumi occidentali. Il padre e due cognati della ragazza sono stati condannati a 30 anni di carcere, mentre uno zio a 2 anni e 8 mesi in quanto ritenuto responsabile dell'occultamento del cadavere della ragazza.