Auto elettriche, diffusione lenta: il 14% della produzione nel 2030

Le auto elettriche potrebbero contribuire alla riduzione progressiva delle emissioni di gas serra (Getty Images)
3' di lettura

Secondo uno studio del Boston Consulting Group le vetture alimentate esclusivamente a batteria non aumenteranno velocemente, ma la loro crescita resterà costante

Le auto elettriche sono il futuro della mobilità, ma la loro diffusione resterà ancora bassa nell'immediato: è quanto emerge da uno studio dell'autorevole azienda di consulenza di management Boston Consulting Group. La diffusione dei veicoli totalmente elettrici, si legge, è attualmente inferiore all'1% sul totale di macchine in circolazione, percentuale che raggiungerà il 6% entro il 2025. Una crescita che sarà lenta, ma costante, e porterà le vetture completamente elettriche a raggiungere il 14% della produzione globale nel 2030. In altre parole, su 100 automobili prodotte, 14 saranno alimentate esclusivamente a batteria.

Lo studio

Nonostante le auto elettriche al 100% abbiano ancora molta strada da fare per conquistare il mercato, esordisce il comunicato del Boston Consulting Group, "il punto di non ritorno è in vista, e una combinazione di trazioni ibride e completamente elettriche taglierà la quota globale di auto a combustione interna a circa il 50% del mercato entro il 2030". La diffusione delle auto totalmente elettriche, però, non accelererà prima del 2025, momento nel quale le flotte di car sharing potrebbero preferire questa tipologia di vettura. Ciò sarebbe dovuto all'elevato chilometraggio che tali automobili andrebbero a sostenere, con la possibilità di abbattere i costi del carburante e bilanciare, così, il maggiore investimento iniziale.

I fattori che favoriranno le elettriche

Nella ricostruzione del mercato automobilistico dei prossimi anni il Bcg prevede tre fasi. Nella prima, fino al 2020, nonostante gli incentivi, i veicoli tradizionali a combustione riusciranno ancora a prevalere per via dei costi ancora troppo elevati delle controparti elettriche nell'arco di tutto il possesso. Nei cinque anni successivi (2020-2025) i veicoli elettrici e ibridi inizieranno a beneficiare degli ulteriori inasprimenti negli standard sulle emissioni inquinanti, così come degli incentivi. Nell'ultima fase, dal 2025 in poi, il progressivo abbattimento dei costi per la batteria sarà il fattore determinante per l'affermazione delle auto completamente elettriche. Un calo che si farà più rapido a partire dal 2020 fino ad arrivare agli 80 dollari per kilowattora nel 2025: attualmente il costo è ancora a 150 dollari, già molto inferiore ai 650 del 2010.  

Le implicazioni

"Potremmo raggiungere un punto in cui non avremo più bisogno di incentivi" per aumentare le vendite di veicoli elettrici, ha dichiarato a Reuters il primo autore del report, Xavier Mosquet, dicendosi convinto che entro il 2030 saranno le forze del mercato a guidare i consumatori verso le auto elettriche e non le regolamentazioni agevolate. "La tempistica della transizione del mercato ad un nuovo tipo di alimentazione è da tempo oggetto di dibattito - ha aggiunto Mosquet - le prospettive dei veicoli elettrici si stanno ora chiarendo e il periodo di transizione dal mercato dominato da auto a combustione interna (...) sta per iniziare".

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24