Auto a guida autonoma, Google fa causa a Uber

John Krafcik, CEO di Waymo (Getty Images)
1' di lettura

L'accusa per la società di trasporti è di furto di segreto industriale e violazione di brevetto

Tra Google e Uber è guerra. Waymo, controllata di Alphabet (holding a cui fa capo Google), ha depositato una denuncia contro Otto, società acquisita da Uber, specializzata in auto senza guidatore. L'accusa è di violazione di brevetto e furto di segreto industriale: al vertice di questo presunto crimine di spionaggio ci sarebbe Anthony Levandowski, ex impiegato di Waymo, fuggito con 14mila file confidenziali sulle auto a guida autonoma di Google. Lo riporta il sito specializzato "Recode". 

Le accuse - Secondo Waymo fra i file rubati da Levandowski c'erano anche quelli riguardanti il design del sistema di comando di bordo Lidar. Si tratta di una tecnologia che permette il telerilevamento per determinare la distanza di un oggetto o di una superficie utilizzando un impulso laser. La compagnia ha deciso di procedere con un'analisi forense del computer dell'ex impiegato, dopo che un altro dipendente di Waymo ha ricevuto per errore una mail, con oggetto: "Otto Files". La mail era stata spedita a una lista di persone che – secondo Waymo – lavorano a Uber. Allegati alla mail, c'erano di disegni del circuito di bordo Lidar del veicolo a guida autonoma della società di car sharing Otto. Il design è molto simile a quello messo a punto da Waymo e che, secondo l'azienda, "il signor Levandowski ha scaricato prima delle sue dimissioni". 

La replica di Otto - "Il Replicated Board rispecchia la tecnologia proprietaria di Waymo, Lidar, e altri segreti commerciali, - ha dichiarato Waymo - Inoltre, il Replicated Board è progettato per essere usato congiuntamente con altri segreti industriali di Waymo e supervisionato dal sistema Lidar, protetto da brevetti Waymo". Per andare in fondo al caso, la società ha depositato la sua richiesta all'Ufficio di sviluppo economico del Nevada e al Dipartimento per i veicoli motorizzati, affinché procedano contro Otto. Dal canto suo, la controllata di Uber ha fatto notare che l'azienda stava utilizzando una versione personalizzata della tecnologia Lidar, costruita in casa, molto simile a quella di Waymo, ma originale. 

Cos'è Waymo - Waymo è un'impresa di Alphabet che utilizza la tecnologia per creare autovetture autonome. In precedenza era noto come progetto Google driveless car. Alphabet Inc. è la holding fondata nel 2015, a cui fa capo tra le altre anche Google Inc. Il progetto Waymo è guidato dall'ingegnere Sebastian Thrun, direttore del Laboratorio di Intelligenza Artificiale di Stanford che è stato anche il co-inventore di Google Street View. A maggio 2016 Google ha siglato un accordo con il gruppo FCA per creare e mettere in commercio il van Chrysler Pacifica: dopo una fase di test, questo sarà il primo modello commerciale di auto a guida autonoma a marchio Google, in vendita negli Stati Uniti. 

Un rapporto deteriorato - Il settore delle auto che si guidano da sole è in forte crescita e la competizione tra gli attori tecnologici aumenta. Anche per questo, le relazioni un tempo proficue tra Uber e Google si sono deteriorate sempre di più negli ultimi due anni. Del resto, Google Ventures aveva anche investito in Uber, nel 2013, con una cifra rimasta a tutt'oggi la più significativa nella storia della società di car sharing. Ma con la decisione di sviluppare la sua flotta di auto senza guidatore, Uber è a tutti gli effetti diventato un competitor del colosso di Mountain View.

Leggi tutto