Fondazione Zuckerberg acquisisce il motore di ricerca per scienziati

Mark Zuckerberg, fondatore e ceo di Facebook (Getty Images)
1' di lettura

La Chan Zuckerberg Initiative ha chiuso la sua prima acquisizione: si tratta di Meta. La società, attraverso l'intelligenza artificiale, rende più semplice la conessione tra studi scientifici

La Chan Zuckerberg Initiative, fondazione di mister Facebook e signora, ha chiuso la sua prima acquisizione. Si tratta di Meta. La società, fondata nel 2010, sviluppa soluzioni basate sull'intelligenza artificiale. Con un solo obiettivo: rendere possibile una ricerca più efficace e dare visibilità agli studi scientifici.

 

Come funziona Meta – La pubblicazione delle ricerche, spiega il ceo di Meta Sam Molyneux sul sito della società, è un elemento fondamentale per favorire una "conversazione globale", in modo da capire "dove sta andando la scienza e quali sono i prossimi passi da fare". Il problema non è la quantità di studi prodotti ma la capacità di farli dialogare. "Ogni giorno vengono pubblicati 4mila documenti solo nel campo biomedico. Con gli strumenti correnti, la maggior parte di essi non verrà letta da altri scienziati". Il compito di Meta è quindi "dare senso all'enorme numero di ricerche prodotte nel mondo. Per accelerare il progresso serve che ciascuno impari dagli altri in tempo reale". Meta ha quindi stretto accordi con 1200 tra istituti e riviste scientifiche. Ha sviluppato con SRI International (cioè con i creatori di Siri) una tecnologia, basata sull'intelligenza artificiale, capace di leggere milioni di pagine e di classificarle per argomenti-chiave. Non solo: Meta pesca in questo sterminato archivio ricerche simili o team che potrebbero collaborare. Si tratta quindi di una sorta di motore di ricerca per gli studi scientifici. Con in più la possibilità, grazie alle capacità predittive dell'AI, di creare relazioni e stimare l'impatto futuro di una scoperta scientifica.

 

Gli investimenti della Chan Zuckerberg Initiative – Dopo la nascita della loro prima figlia, Mark Zuckerberg e la moglie Priscilla Chan hanno dichiarato di voler destinare alla filantropia il 99% del proprio patrimonio. Insieme, hanno avviato un piano che dovrebbe portare la loro fondazione (che, in quanto tale, non ha scopo di lucro) a investire 3 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni a sostegno del progresso medico. Seicento milioni saranno destinati alla costruzione di un nuovo centro di ricerca. Ma le risorse saranno utilizzate anche per acquisire società e startup. A partire da Meta. Il sostegno della Chan Zuckerberg Initiative consentirà di avere una maggiore stabilità finanziaria, per "trasformarla in uno strumento ancora più potente e utile per l'intera comunità scientifica", con l'impegno di rendere il servizio "completamente gratuito per tutti i ricercatori".  

Leggi tutto