Samsung, il lancio del Galaxy S8 rimandato ad aprile

Il lancio dello smartphone è slittato rispetto alla data prevista (Getty Images)
1' di lettura

La casa coreana rompe la tradizione: il nuovo smartphone non dovrebbe arrivare durante il Mobile World Congress di febbraio

Samsung prende qualche settimana di tempo: il lancio della Galaxy S8 dovrebbe arrivare ad aprile, durante un evento a New York. Lo riporta Sammobile. Il gruppo rompe quindi le consuetudini: l'esordio non avverà al Mobile World Congress, in programma a Barcellona dal 27 febbraio al 2 marzo. Samsung corregge in corsa il calendario. Probabilmente pesa ancora il richiamo dei Note 7, i dispositivi che avrebbero dovuto trainare le vendite natalizie. La scelta di posticipare il lancio, se confermata, porta con sé pregi e incognite.

 

Le incognite – Il Note 7 ha comportato un danno doppio: oltre al costo del richiamo dei prodotti, ha lasciato scoperto il periodo più prolifico per le vendite, le feste di Natale. Nonostante il successo del Galaxy S7, quindi, il bilancio di Samsung ne ha risentito per il terzo trimestre 2016 e, con tutta probabilità, anche nell'ultimo quarto dell'annata. Lanciare un prodotto a fine febbraio avrebbe consentito di commercializzarlo a marzo e risollevare il primo trimestre 2017. Rimandare le vendite potrebbe quindi avere un impatto finanziario perché creerebbe aspettative negative sul prossimo bilancio. Altra nota: non è un caso che molti marchi decidano di esibirsi durante il Mobile World Congress. È l'evento mondiale di punta, partecipato da pubblico e addetti ai lavori. Con i riflettori già puntati su Barcellona, il lancio ha già un suo pubblico e non deve crearlo.

 

Perché rimandare il lancio – Rimandare il Galaxy S8 ad aprile potrebbe però premiare la cautela del gruppo. Dopo la debacle del Note 7, Samsung non può permettersi un altro passo falso. Meglio prendersi il tempo necessario. Anche per slegare il nuovo prodotto dal ricordo delle batterie che si fondono. Otto settimane in più servirebbero però anche per un altro motivo, più legato al marketing che al prodotto: non avere l'appoggio mediatico del Mobile World Congress costringerebbe a rivedere le modalità del lancio perché il pubblico, in questo caso, va creato.  

Leggi tutto