Archiviare le vecchie foto? Ci pensa PhotoScan, la nuova app di Google

Vecchie foto in mostra (Getty Images)
1' di lettura

Il colosso di Mountain View lancia lo scanner da smartphone per acquisire in digitale e ad alta definizione le immagini stampate su carta fotografica.
È gratuita e disponibile per dispositivi Android e IOS

“Le foto del passato incontrano lo scanner del futuro”. È questa l'idea che dà vita a PhotoScan, l'ultima applicazione di Google che permette di scannerizzare i vecchi scatti analogici attraverso lo smartphone. Non si tratta, come potrebbe sembrare, di fare una foto a una foto, ma di eseguire una vera e propria lettura digitale senza perdere la qualità dello scatto originale.

 

Come funziona? - L'app, disponibile gratuitamente per dispositivi Android e IOS, attiva la fotocamera del telefono e guida l'utente nell'acquisizione dei propri ricordi senza dover far ricorso a uno scanner da tavolo. Il procedimento è semplice: una volta allineata l'immagine originale allo schermo dello smartphone, l'app attiverà automaticamente il flash del telefono e indirizzerà l'utente verso quattro cerchi bianchi in corrispondenza dei quattro angoli della foto. Il resto del lavoro è lasciato al software che effettuerà correzioni prospettiche e rotazioni intelligenti, rileverà automaticamente i bordi, correggerà i margini, le piccole imperfezioni e i riflessi della carta fotografica che si avrebbero con un normale scatto da telefonino. PhotoScan ha anche una nuova funzione di “auto-miglioramento” e una serie di filtri, chiamati “looks”, che conferiscono diversi effetti alle immagini. È inoltre possibile effettuare regolazioni più specifiche grazie ai nuovi cursori presenti negli strumenti di adattamento "luce", "colore" e "pop".

 

 

Il grande archivio di Google – Una volta acquisite le immagini, l'app consentirà di salvarle e organizzarle in album nella libreria personale Google Foto. Da qui sarà poi possibile fare il backup di tutte le scansioni, in modo che siano sempre al sicuro e archiviate per categorie. L'idea si inserisce nella strategia commerciale del colosso di Mountain View, California, che punta a coinvolgere i suoi utenti a trasferire le proprie librerie fotografiche in Google Foto. La società ha raggiunto 200 milioni di utenti all'inizio di quest'anno, ma la concorrenza con colossi del calibro di Apple, Amazon e Facebook, ha convinto Larry Page e soci a puntare sulla nuova app dedicata alle immagini online.

 

Leggi tutto