Vittoria: "MasterChef un gioco, ora torno a girare per ristoranti"

Inserire immagine
Vittoria, al centro, al momento dell'eliminazione

Vittoria Polloni ha lasciato la cucina di MasterChef 6: non ha rimpianti, sorride e assicura che la sua vita si è arricchita ma non cambia, continuerà a fare la Store Manager a Brescia. La abbiamo incontrata e intervistata aspettando il prossimo appuntamento con MasterChef, giovedì 19 gennaio alle ore 21.15 su Sky Uno

di Fabrizio Basso
(@BassoFabrizio)


La passione c'è ma quello che più le piace e uscire la sera, sedarsi al tavolo di un ristorante stellato e fare la gastronauta. Vittoria Polloni è uscita dalla cucina di MasterChef 6 giovedì 12 gennaio. Non ha rimpianti, sorride e assicura che la sua vita si è arricchita ma non cambia, continuerà a fare la store manager nella sua Brescia. La abbiamo incontrata e intervistata aspettando il prossimo appuntamento con MasterChef, giovedì 19 gennaio alle ore 21.15 su Sky Uno.

Vittoria come è arrivata a MasterChef?
Ho sempre avuto la passione per la cucina. Ci sono finita quasi per scherzo.
Uno scherzo riuscito bene.
Ho superato la prima prova in esterno in una gelida Stazione Centrale di Milano, poi al live cooking ho visto il grembiule e ho cominciato a nutrire speranze. D'altra parte...
D'altra parte?
Sono una donna determinata.
La determinazione non è bastata a salvarla dall'eliminazione.
Mi sento fortunata comunque. E' vero che quando indossi il grembiule la speranza è di arrivare in finale ma è altrettanto vero che già essere nei venti è un successo. I casting sono affollatissimi.
Cosa si porta nel cuore?
Le persone che ho conosciute, quello che ho imparato e lo sguardo di Cracco.
Come si reagisce di fronte a un alimento o ingrediente che non si conosce ma che va trasformato in piatto?
Io assaggio e annuso. E poi rischio. Meno conosco la materia prima e più oso, il compitino non paga di fronte all'ignoto.
Il piatto forte?
Ti prendo di petto.
Scusi?
E' il nome del piatto. E' petto di pollo ripieno di mazzancolle e provolone piccante. Tra i miei amici è un cult, tutti lo vogliono.
L'errore che le è costato l'eliminazione?
In dispensa ho scordato di mettere nel cestello la gelatina.
Sarà il suo incubo.
Ne terrò sempre in abbondanza in casa. E anche se sono scivolata su un dolce continuerò a preparare dessert.
Trasformerà la sua esperienza a MasterChef in una professione?
No. Continuo il mio lavoro e poi sa cosa mi piace?
Dica.
Uscire a cena. Andare a provare ristoranti stellati.
In zona Brescia ne ha parecchi.
Al Leon D'Oro vado spesso. Qualche sera fa sono stata alla Piazzetta di Graziano Cominelli. Sto inseguendo la Francescana di Massimo Bottura ma le prenotazioni sono lunghissime. Seguirò il consiglio del Capriccio di Manerba del Garda.
Quale giudice inviterebbe a cena?
Non ho dubbi...Cracco!





TAG: