EPCC Calling...arriva Zerocalcare, la matita a scorrimento verticale

Inserire immagine

Zerocalcare è ospite di Alessandro Cattelan nel late night show di Sky Uno giovedì 21: l'appuntamento con E poi c'è Cattelan è il giovedì alle ore 22.10. La geniale matita toscana presenta il suo ultimo lavoro Kobane Calling (edito da Bao Publishing) e si racconta

di Fabrizio Basso

Già il nome, Zerocalcare, incute timore. E i suoi fumetti graffiano. Ma lui, l'aretino Michele Rech, è tutto simpatia e sorriso. E' ospite di Alessandro Cattelan nel late night show di Sky Uno giovedì 21: l'appuntamento con E poi c'è Cattelan è il giovedì alle ore 22.10.

Zerocalcare perché Kobane Calling? Il richiamo ai Clash è netto.
E' più pesante di quanto non sembri il riferimento ai Clash perché è l'introduzione a un certo tipo di mondo.
Per altro in questo 2016 si celebrano i 40 anni dei Punk.
E' una coincidenza casuale.
Cosa è un fumetto?
Le dico cosa non deve essere: non deve essere un genere bensì un linguaggio, puoi raccontare qualunque cosa con la matita, devi solo trovare l’argomento.
Come lavora?
Sempre in verticale, sono cresciuto con i contemporanei: i supereroi Marvel, Lupo Alberto, Sturmtruppen, Topolino, sono cresciuto in A4, quello è il mio formato. Io ragiono sempre in verticale.
E' così anche quando non disegna?
La mia vita si sviluppa su platform a scorrimento verticale alla Supermario.
Vita per altro romanzesca la sua.
Sono tornato a vivere da mia madre che avevo 28 anni, non ho laurea, le ripetizioni non bastavano…
Ora è tutto diverso.
Nel senso che adesso sento la pressione, mi costringo a pensare e rispondo a me stesso, lo dico razionalmente. Una parte di me vive nella paranoie. Mi muovo in treno. E sono nato casualmente ad Arezzo.
Lavoro molto?
In due mesi devo consegnare 120 pagine di fumetti e ci sono con quaranta presentazioni. Ma è meglio che andare in fabbrica..
E' molto creativo?
Sono uno che ha tante idee ma fatica a svilupparle, però arrivo.
Come ha conosciuto Alessandro Cattelan?
Sono stato suo ospite in radio, mi sono trovato bene, in una situazione naturale e tranquilla, tra due quasi coetanei…spero di non pentirmi di essere a EPCC.
E' rigoroso?
Sostengo l'autodisciplina: in quella del lavoro ho investito tantissimo ma cerco di esserlo in tutto.
Desideri?
Vorrei ricominciare a fare il blogger.
I suoi lavori hanno forti valenze sociali.
Cerco sempre di essere attento nelle cose che disegno.

 

TAG: