Lookmaker Academy, Federica Torti racconta la vittoria del carattere

Inserire immagine

A Federica Torti è affidata la conduzione di Lookmaker Academy, il talent per nuovi stilisti e imagine maker in programmazione su Sky Uno dal lunedì al venerdì alle ore 11. In attesa dei prossimi appuntamenti, leggi l'intervista


di Fabrizio Basso
(@BassoFabrizio)


La personalità non è un trucco. Ma il trucco può garantire personalità. Qualunque sia l'interpretazione che si vuole fornire a queste parole, Federica Torti vince sempre. Per lei parlano la storia giornalistica e televisiva, l'attenzione a tutto quanto la circonda, la curiosità per il mondo e la capacità di essere presente anche quando è assente. E' affidata a lei la conduzione di Lookmaker Academy, il talent per nuovi stilisti e imagine maker in programmazione su Sky Uno dal lunedì al venerdì alle ore 11. La abbiamo intervistata.

Federica cosa ci racconta del suo primo talent da conduttrice?
Una esperienza splendida. E poi che scherzavo con gli autori perché in onda la gente vede il 20 per cento del girato.
Le spiace?
Posso dirle che il montaggio è perfetto. E' un reality all'americana con la voce fuori campo.
La sua presenza è comunque importante. Anche nell'assenza.
Questo è bello. Sentire la presenza talvolta è più importante che apparire. Bisogna anche aggiungere che il coinvolgimento è cresciuto puntata dopo puntata. E non dimentichiamo che è la mia prima esperienza alla conduzione di un reality.
Si è integrata bene con i 12 concorrenti?
Credo di sì. Siamo anche usciti a cena insieme spesso. E li emergevano le gelosie, le aspettative, le ansie.
Insomma era una amica.
Mi hanno anche chiesto consigli, a volte.
Che rapporto ha col make up?
Mi affascina. Il trucco, l'hair style, il fashion hanno appeal su di me perché sono elementi che completano la personalità. Bisogna però stare attenti che non passino il limite e la offuschino.
Lei come procede?
Amo le ombre. C'è una tecnica che si chiama sculturing: tracce lievi che, appunto, giocano con le ombre.
Tra i 12 concorrenti ce ne è uno cui si affiderebbe?
Qui tocchiamo un tasto delicato. Io mi faccio tutto da me. Sono un ariete e fatico ad affidarmi a qualcuno che non sia...io.
Neanche al vincitore? Senza fare nomi...
Ovviamente taccio. Però ammetto che se una mattina mi svegliassi con la sindrome da pigrizia a lui mi potrei affidare.
A cosa dobbiamo questa generosità?
Ho notato che ha colto la personalità della modella che truccava e quindi ne deduco che sa far uscire la personalità di chi trucca.
Finito Lookmaker Academy che farà?
Sono in attesa di una risposta da Sky.
Anticipazioni?
Niente. Per scaramanzia.
Consigli per l'estate?
Le donne amano scoprirsi, non soffrire il caldo...il bikini ci sta, ma se c'è un filo di pancia oggi esistono dei costumi bellissimi con disegni che distolgono l'attenzione. Per fortuna posso permettermi il bikini ma ciò non toglie che li trovo molto belli.
Per l'uomo?
Lui gioca sul carattere. E' la donna che parte svantaggiata.
Almeno una indicazione...
Va bene, se l'uomo ha le gambe tozze magari evitare lo slip.
Suo marito non ha questo problema.
Infatti può usarlo.
Una splendida coppia da spiaggia.
Che si prepara a celebrare le nozze di cartone.
Scusi?
Quelle che sanciscono il superamento del primo anno di matrimonio. Il primo settembre.
Perché di cartone?
La consistenza è quella della carta, non dovessero superare la prova si sbriciolano come un foglio.
Grazie a Dio non è il vostro caso.
Infatti sto preparando la festa.
Vacanze?
L'idea è il Brasile a ottobre. Lavoro permettendo.
E in estate?
Vivo in Toscana, per cui sarò a Forte dei Marmi. Non mancheranno un passaggio a Chiavari che è la culla della mia adolescenza e a Genova a trovare i miei genitori.
Quando è a Genova cosa fa?
Tante cose ma soprattutto corro da Cornigliano a Nervi.
E' una mezza maratona.
Infatti sto a letto mezza giornata prima e mezza dopo.
Quindi è lei la maratoneta del genovesato?
Ci provo. E' sempre bello tornare a casa e correre.










TAG: