I 5 capolavori di James Franco prima di The Deuce

Inserire immagine
Getty Images

Dalla trilogia di Spider-Man a L’alba del pianeta delle scimmie, passando per Milk e la nomination all’Oscar per 127 ore, ecco alcune delle interpretazioni più memorabili dell’attore e regista statunitense, in onda su Sky Atlantic con la nuova serie tv The Deuce – La via del porno ogni martedì alle 21.15: continua a leggere e scopri di più

 

Ha vestito i panni del migliore amico di Peter Parker nella trilogia di Spieder-Man ed è stato candidato ad un Oscar e a un Golden Globe come miglior attore protagonista. Ora lo vedremo nelle vesti inedite dei fratelli gemelli Vincent e Frankie Martino nella serie tv The Deuce – La via del porno, in onda su Sky Atlantic ogni martedì alle 21.15 dal 24 ottobre.

La serie narra le vicende della New York tra gli anni Settanta e Ottanta, fra la legalizzazione dell'industria pornografica e il traffico di cocaina, e la presenza di James Franco è il cuore all’occhiello della produzione. D’altronde, con i numerosi successi che vanta alle spalle, è quasi un’assicurazione di successo... Ecco alcuni dei momenti più celebri che hanno visto andare in scena l’attore e regista statunitense.

Tre volte con l’Uomo Ragno

A consacrare la fama di James Franco c’è la sua apparizione all’interno della trilogia di Spiderman, diretta da Sam Raimi. Franco nei film ispirati al supereroe dei fumetti veste i panni di Harry Osborn, figlio del cattivissimo Green Goblin interpretato da Willem Dafoe e migliore amico del protagonista. Lo abbiamo visto nel 2002 nel primo Spider-Man, per poi tornare – dopo oltre 820 milioni di incasso del primo film nel mondo – nel sequel del 2004. Nel 2007, per la terza volta, lo vediamo al fianco dell’Uomo Ragno e anche questa volta sbanca il botteghino con quasi 900 milioni di incasso complessivi: è in Spiderman 3 che l’attore indossa per la prima volta la maschera di Goblin, entrando di diritto fra i villain di casa Marvel. Una curiosità: sapevate che in origine il ruolo del protagonista, poi andato a Tobey Maguire, sarebbe dovuto essere proprio di James Franco?




Il mondo LGBT di Milk

Nel film del 2008, diretto da Gus Van Sant James Franco ha un ruolo secondario, ma Milk è uno dei titoli di maggiore spessore a cui ha partecipato l’attore. La pellicola ripercorre vittorie e sconfitte della comunità gay durante gli anni Settanta attraverso il primo vero attivista gay (davvero esistito) Harvey Milk, con il volto di Sean Penn. Nella pellicola Franco è proprio il compagno di Milk, Scott Smith. Dopo questa esperienza James Franco si avvicinerà altre volte alla tematica LGBT, come con King Cobra, film che racconta gli eventi che portarono al brutale omicidio del produttore di film pornografici gay Bryan Kocis, fondatore della casa di produzione Cobra Video.



(quasi) Oscar con 127 ore

Fra le interpretazioni di James Franco maggiormente acclamate dalla critica c’è quella nel film biografico 127 ore di Danny Boyle. Nella pellicola del 2010 l’attore interpreta l’alpinista statunitense Aron Ralston, che nel 2003 è rimasto per cinque giorni intrappolato nel Canyon dello Utah. Per entrare al meglio nella parte, Franco non ha abbandonato la location del film per tutte e cinque le settimane delle riprese: una scelta che si è rivelata vincente, ottenendo una candidatura agli Oscar e una ai Golden Globe come come migliore attore protagonista.



Scienziato ne L'alba del pianeta delle scimmie

Per il prequel del celeberrimo film del 1968 Il pianeta delle scimmie ci voleva un protagonista di un certo calibro, così nel 2011 Rupert Wyatt ha voluto James Franco nel cast de L’alba del pianeta delle scimmie. Il ruolo di Will Rodman gli permette di discostarsi dai personaggi che è solito interpretare, dando dimostrazione di essere un artista poliedrico: nel film è uno scienziato di San Francisco impegnato nella ricerca di una cura per l'Alzhaimer, i suoi esperimenti che coinvolgono alcune scimmie del Congo, però non danno i risultati sperati, creano anzi uno squilibrio della forza fra uomo ed animale, rischiando di cambiare per sempre il volto dell’umanità.



La magia di James OZ

Durante la sua carriera James Franco è stato protagonista di diverse commedie, da Mai stata baciata a L’amore non va in vacanza, fino ad arrivare anche all’universo animato. Nel 2013 lo vediamo ne Il grande e potente Oz, prequel della Disney del film Il Mago di Oz, nei panni del celebre illusionista Oscar Diggs, in arte OZ. Ancora una volta Franco si trova a lavorare gomito a gomito con lo stesso regista Sam Raimi di Spiderman.



RISPONDI ALLA NOSTRA DOMANDA



TAG: