Fotogallery 28 marzo 2016

Youth Codes, il punk e le contro-culture giovanili anni ’70 e ’80

  • ‘Punks’ è il titolo della serie fotografica con cui Karen Knorr e Olivier Richon hanno documentato la scena punk londinese attorno al Roxy di Covent Garden e al Global Village di Charing Cross (Credit: Untitled, from the series 'Punks' © Karen Knorr & Olivier Richon) - Info sulla mostra
  • Le stampe originali in bianco e nero sono state inizialmente presentate alla Photographers’ Gallery di Londra nel 1978 e molti anni dopo, nel 2012, nella retrospettiva Another London presso la Tate Britain (Credit: Untitled, from the series 'Punks' © Karen Knorr & Olivier Richon) - Guarda anche: Vinyl, lo speciale
  • Nelle foto di Knorr e Richon vediamo i giovani punk ritratti senza filtri, come sottolineano i curatori: “I segni dell’offensivo rituale in atto esibivano svastiche, l’Union Jack, spille da balia, giubbotti di pelle nera slabbrati e pieni di scritte di vernice, jeans squarciati, trucco pesante, collarini, catene, cerniere, borchie” (Credit: Untitled, from the series 'Punks' © Karen Knorr & Olivier Richon) - Guarda anche: Vinyl: c’era una volta il rock (e ci sarà ancora)
  • “Oltre alle più note eroine della scena musicale come Ari Up, Laura Logic, Palmolive, Poly Styrene e Siouxsie Sioux, i celebranti erano giovani e svogliati frequentatori di concerti e sale da ballo, individui annoiati o aggressivi, figure irriverenti e furfanti dickensiani” (Credit: Untitled, from the series 'Punks' © Karen Knorr & Olivier Richon) - Guarda anche: Vinyl(Cuts), il dietro le quinte è online
  • “Tra derive edoniste e slanci fugaci, i protagonisti apparivano forti e vulnerabili nello stesso tempo, annichiliti o sfrontati” (Credit: Untitled, from the series 'Punks' © Karen Knorr & Olivier Richon) - Guarda anche: Vinyl: rock fino al midollo…e fin dalla sigla!
  • Non solo anni ’70. La mostra “Youth Codes” presenta anche gli scatti del fotografo tedesco Andreas Weinand, che, con un approccio immersivo e partecipativo, ha raccontato le avventure di un gruppo di giovani negli anni ’80 (Credit: Julia + André Portugal 1990 © Andreas Weinand) - Guarda anche: New York, i locali del 1973 che hanno fatto storia
  • Scrivono i curatori: “I giovani ritratti con onestà e schiettezza esprimono rabbia, gioia, abbandono, trasporto, rassegnazione e sono colti nei rituali di gruppo mentre festeggiano, litigano, bevono, dormono, si innamorano fino a diventare madri e padri pure loro” (Credit: Gero + Olli 1990 © Andreas Weinand) - Guarda anche: Vinyl: Sesso, Droga e Rock'n'roll nella New York di Martin Scorsese
  • “Immagini intime colte in stanze disordinate e sporche o in paesaggi aperti e puri. Weinand, con sguardo da osservatore esterno, attraverso un lungo percorso di avvicinamento empatico con i soggetti, coglie il lato antropologico e comunitario delle situazioni” (Credit: Anna + Gero 1990 © Andreas Weinand) - Guarda anche: Mick Jagger tra cinema e tv (oltre Vinyl)
  • “In modo diaristico, con uno stile e una forma estetici ed espressivi l’autore rivela e svela i codici autodistruttivi, dissacratori, effimeri rivelatori di stati esistenziali transitori, irrequieti, impulsivi” (Credit: Christmas Eve 1988 © Andreas Weinand) - Guarda anche: Non solo Vinyl: New York anni ‘70, roba da cinema
  • “Quello che riusciamo a percepire è l’eccitazione incendiaria e profetica di giovani liberi e vitali, la labile speranza della visione, l’esplorazione febbrile e nevrotica dei sensi e degli stati, l’eccesso nella scoperta e il desiderio incerto di (un) domani” (Credit: Christmas Eve 1988 © Andreas Weinand) - Guarda anche: Vinyl: dietro le quinte del nuovo capolavoro targato HBO
  • Le mostre ‘Punks’ e ‘Colossal Youth’ possono essere visitate fino al 28 aprile alla Matèria Gallery di Roma (Credit: Olli, Gero + André 1990, Soccer World Championship © Andreas Weinand) - Info sulla mostra
/

Fino al 28 Aprile la Matèria Gallery di Roma ospita una mostra con gli scatti della celebre serie ‘Punks’ di Karen Knorr e Olivier Richon che ha documentato come il movimento è esploso in Inghilterra tra il 1976 e il 1977 (nello stesso decennio in cui è ambientata la serie Vinyl). Il viaggio continua poi negli anni ’80 con le foto del tedesco Andreas Weiland e la sua ‘Colossal Youth’: sfoglia la gallery

TAG: