Fotogallery Aggiornato il 18 dicembre 2015

Videogiochi anni ’80, guida per IMMAGINI

  • La pseudo “fetta di pizza” gialla e tagliata contro i suoi fantasmi. Il classico di Namco del 1980 inaugurò un decennio videoludico leggendario - Credits: Wikimedia Commons
  • Il gorillone di Nintendo che rapisce la principessa Pauline è arrivato nel 1981. C’è l’eroe ancora senza nome che sarebbe diventato Super Mario - Credits: Nintendo
  • Ancora oggi lo spaziale Galaga di Namco è uno spettacolo multicolore per gli occhi. Uscì nelle sale gioco nel 1981 - Credits: Wikimedia Commons
  • Nel 1981 Defender della Williams Electronics ci portò nello spazio in una maniera inedita e spettacolare, facendoci esplorare nuovi mondi - Credits: Wikimedia Commons
  • L’epopea di una rana di Konami è del 1981, anno miracoloso per la differenziazione dei generi del videogioco - Credits: Wikimedia Commons
  • Pitfall è spietata quanto esaltante avventura a scorrimento in cerca di tesori e tra mille pericoli. Fu distribuito in sala giochi nel 1982, poi su Atari 2600 - Credits: Wikimedia Commons
  • Durante il crepuscolo della guerra fredda non poteva mancare un gioco di spie. Il veloce Spy Hunter di George Gomez uscì nel 1983 - Credits: Wikimedia Commons
  • La geometria sublime di una perfetta e astratta architettura video ludica, ovvero il russo Tetris arrivato nel 1984 - Credits: Wikimedia Commons
  • Nel 1985 nasce una stella, anzi la Stella: Super Mario di Shigeru Miyamoto di Nintendo - Credits: Nintendo
  • La storia del videogioco cambia per sempre nel 1986 con The Legend of Zelda per Nes, altra geniale invenzione di Shigeru Miyamoto - Credits: Nintendo
/

Proprio nel decennio della guerra fredda, i videogiochi sono esplosi come fenomeno culturale di massa nei bar e nelle case. Da Pac-man a Super Mario, passando per Legend of Zelda, Tetris, senza dimenticare Donkey Kong, Gagala, Defender e Pitfall

TAG: