Frank Underwood diventa un dipinto allo Smithsonian

Inserire immagine
Kevin Spacey posa assieme al ritratto di Frank Underwood esposto allo Smithsonian (Getty Images)

Frank Underwood, il personaggio interpretato da Kevin Spacey nella serie tv di culto House of Cards in onda su Sky Atlantic, è stato ritratto in un quadro esposto alla Smithsonian National Portrait Gallery, vicino ai suoi colleghi presidenti degli Stati Uniti.

Ci sono personaggi di finzione così radicati nell’immaginario collettivo che finiscono per diventare “più veri del vero”, entrando di fatto nelle nostre vite. Frank Underwood, antieroe protagonista della serie tv di culto House of Cards in onda su Sky Atlantic HD, è uno di questi. Tanto più adesso che un suo ritratto è stato esposto alla Smithsonian National Portrait Gallery di Washington, D.C.

 

Il dipinto, presentato dallo stesso Kevin Spacey, l’attore che interpreta Frank Underwood e che ha ovviamente posato come modello, è stato realizzato dall’artista britannico Jonathan Yeo, noto per i suoi ritratti di personaggi contemporanei. Tra i suoi tanti lavori figura anche un provocatorio collage che ritrae Silvio Berlusconi, intitolato non senza ironia Bunga Bunga.

 

Nel quadro, Frank Underwood è stato ritratto seduto in poltrona all’interno della Camera Ovale della Casa Bianca, con la sua caratteristica aria di sfida. Soggetto e ambientazione sono stati resi con toni cupi e colori spenti, forse per rimarcare la sinistra natura del presidente degli Stati Uniti di House of Cards.

 

La National Portrai Gallery, parte dello Smithsonian Institute, non ospita però solo il dipinto che raffigura Underwood. La galleria comprende anche i ritratti dei presidenti degli Stati Uniti: il machiavellico protagonista di House of Cards si trova insomma in compagnia dei suoi colleghi della vita reale. Una conferma in più del carisma di questo incredibile personaggio incarnato da mr. Spacey.

 

La serie tv House of Cards sta per tornare con la quarta, attesissima stagione, in onda su Sky Atlantic HD in contemporanea con gli Stati Uniti a partire dalla notte tra il 4 e il 5 marzo alle ore 24.

 

TAG: