Inserire immagine

Veronica Castello

Interpretato da Miriam Leone

Veronica Castello, interpretata da Miriam Leone, è la showgirl della serie. L’abbiamo lasciata in 1992 vittima di percosse da parte dell’ex compagno Pietro Bosco (Guido Caprino).

 

Viziata, incostante e terribilmente affascinante, è la donna ambita, dal mero punto di vista sessuale, da tanti uomini. Sogna una carriera nel mondo della televisione. Ora, forse dilaniata dal tempo che passa e che non vuole accettare, si domanda quanto possa valere una vita spesa per tali ideali, con tali speranze.

Ama essere guardata, desiderata, percepita come oggetto sessuale d’eccellenza: la sua vera unica preoccupazione è l’essere apprezzata come unica fra le tante, mai l’amare e mai l’essere davvero amata.

Eppure, nonostante le sue ambizioni, Veronica Castello non ha particolari doti, non ha talenti da esibire, se non sfoggiare un meraviglioso corpo, un sex appeal audace quanto vuoto, leggero, dannato dall’avidità.

Il suo corpo è il suo unico strumento di lavoro, esibito alla mercé di chiunque possa agevolare il suo cammino. Un corpo svenduto al potere, che fa di Veronica la quintessenza della bellezza asservita all’avidità. Tutto questo l’ha devastata ed ha annichilito ogni suo sentimento.

Miriam Leone è ineccepibilmente adatta a questo ruolo: la sua bellezza surreale e il suo sguardo melanconico, avvelenato, conferiscono al personaggio che rappresenta un accento di psicolabile volubilità.

La determinazione è il suo punto forte, ma al tempo stesso non sa camminare sulle sue stesse gambe. Il potere la ammalia ma non ne è mai responsabile in primis. È mantenuta dagli uomini potenti da cui si lascia sfruttare per poter sfruttare a sua volta.

Per lei, il raggiungimento della fama sarebbe potuto essere un punto d’avvio verso una nuova vita, una vita ricca di amore che colmasse un vuoto interiore che da sempre la lacerava.

Ma in 1993 troviamo una Veronica diversa, più risoluta: abbandona i sogni per i quali avrebbe venduto l’anima affinché si realizzassero, scoprendo nuovi e allettanti possibili traguardi.

Il potere che l’ha sempre comprata e dal quale sempre si è lasciata corrompere, potrebbe essere la più grande realizzazione di sé stessa. La vicinanza con il giovane scrittore Davide, sarà la scintilla che alimenterà la sua sete di conoscenza interiore. Sarà questo rapporto a far sorgere dubbi e incertezze, per approdare ad una più matura consapevolezza sia privata che pubblica, sia presente che futura.

Forse la svalutazione così meschina di sé stessa, che ha permeato tutta la scorsa stagione e che ci ha presentato Veronica Castello come una donna abile ma fondamentalmente incapace, astuta ma mercificata, non è la sua unica via di salvezza. In 1993 scopriremo aspetti inediti, incorniciati sempre da quel portamento altezzoso e spregiudicato, tipico di una donna bramosa troppo vicina al potere da non potersi scottare di tanto in tanto. 

GLI ALTRI PERSONAGGI DI 1993

Tutti i video

Video

Tutte le news