Lawrence Ferlinghetti, il poeta della Beat Generation in mostra. FOTO

Dal 7 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018 il Museo di Santa Giulia a Brescia ospita una retrospettiva sulla vita e le opere del celebre artista e agitatore culturale americano di origini lombarde. Un viaggio fra scatti di Ettore Sottsass e documenti originali e inediti
  • Christopher Felver, Ferlinghetti at Ellis Island, 1994 - Collezione dell’artista, Sausalito, California © Chris Felver - Dal 7 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018 l’universo del celebre poeta della Beat Generation sarà in mostra nelle sale del Museo di Santa Giulia, a Brescia – “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, Against the Chalk Cliffs, 1957 - Collezione dell’artista, San Francisco © Lawrence Ferlinghetti - Poeta, pittore, editore e agitatore culturale americano di origini bresciane: la mostra mette in luce l'importanza della figura dell’artista all'interno del movimento della Beat Generation fra anni Cinquanta e Sessanta - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, Samothrace, 2009 - Collezione dell’artista, San Francisco © Lawrence Ferlinghetti - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia” diventa l'occasione per ripercorrere la storia di quegli anni e ricreare l'atmosfera di un fenomeno culturale, musicale e di costume attraverso materiali a stampa, fotografie e registrazioni video - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, Untitled, 1981 - Collezione dell’artista, San Francisco © Lawrence Ferlinghetti - In mostra anche il talento per la pittura e le arti figurative di Ferlinghetti, che inizia a disegnare e dipingere nell'immediato dopoguerra mentre si trova a Parigi - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, Deux, 1950 - Collezione dell’artista, San Francisco © Lawrence Ferlinghetti - All’interno di “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia” è esposto l’olio su tela Deux del 1950, prima opera dipinta da Ferlinghetti – “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, Pyramids in Sand #1, 1997 - Collezione dell’artista, San Francisco © Lawrence Ferlinghetti - Esposta a Brescia anche un'ampia selezione di disegni realizzati dall’artista tra gli anni Cinquanta e Duemila, mai esposti in Italia prima d'ora – “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, The Third World War, 1995 - Collezione dell’artista, San Francisco © Lawrence Ferlinghetti - Ad ispirare le opere di Ferlinghetti sono le proprie esperienze di vita, gli avventurosi viaggi in giro per il mondo alla costante ricerca delle proprie origini - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, A Coney Island of the Mind - New Directions, New York, 1958 - Gentile concessione: Fondo Fernanda Pivano, Fondazione Corriere della Sera - “Ripercorrere la carriera di Ferlinghetti - afferma il direttore di Brescia Musei Luigi Di Corato - dà modo di rendere omaggio all'intero movimento letterario, aprendo lo sguardo non solo sull'opera dei singoli autori ma più in generale sul fenomeno Beat che ha animato il panorama culturale underground americano degli anni Cinquanta e Sessanta” - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Lawrence Ferlinghetti, Smoking Grass Reverie - East 128, Milano, 1968 - Gentile concessione: Fondo Fernanda Pivano, Fondazione Corriere della Sera - Fra i materiali in mostra anche una serie di fotografie, alcune delle quali inedite, scattate ai Beat dal noto fotografo Ettore Sottsass - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Catalogo City Lights Bookstore, 1978 - Gentile concessione: Fondo Fernanda Pivano, Fondazione Corriere della Sera - Oltre agli scatti di Sottsass, sono presentate in mostra anche fotografie di Robert Capa, Aldo Durazzi, Larry Keenan, Allen Ginsberg, Christopher Felver e Fred Lyon – “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Catalogo City Lights Bookstore (illustrazione di Roland Topor), 1977 - Gentile concessione: Fondo Fernanda Pivano, Fondazione Corriere della Sera - Molti dei libri e documenti in mostra provengono dall’archivio di Fernanda Pivano, sostenitrice e amica di Ferlinghetti. Le sue traduzioni di opere di autori come Allen Ginsberg, Jack Kerouac, William Burroughs, Gregory Corso, Charles Bukowski hanno influito sulla diffusione in Italia di questa corrente letteraria - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Fernanda Pivano, Ettore Sottsass, Allen Ginsberg, a cura di, “Pianeta Fresco”, n. 2 East 128, Milano, 1968 - Gentile concessione: Fondo Ettore Sottsass, Fondazione Corriere della Sera - Il percorso espositivo in Santa Giulia è suddiviso in 4 macro-sezioni: “Guerra, pace, arte”, “Beat”, “L'impegno”, “Le origini” - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Christopher Felver, Portrait of Lawrence Ferlinghetti, 1982 - Collezione dell’artista, Sausalito, California © Chris Felver - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia” si sviluppa tematicamente, rispettando la cronologia degli eventi descritti, partendo dalle vicende biografiche e artistiche di Ferlinghetti tra Stati Uniti ed Europa – “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Heiner Bastian, Lawrence Ferlinghetti in Khabarovsk, 1967 -Courtesy City Lights / Autore: Heiner Bastian - Nella prima sezione “Guerra, pace, arte” Ferlinghetti, volontario nella Marina degli Stati Uniti, scopre le sue origini italiane e si avvicina alla poesia e alle arti figurative prendendo spunto dai poeti dell’epoca – “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Christopher Felver, Ferlinghetti in a Statue of Liberty Mask, 2000 -Collezione dell’artista, Sausalito, California © Chris Felver - Dopo un periodo a Parigi - racconta la mostra - nel 1951 Ferlinghetti rientra negli Stati Uniti, a San Francisco. Qui muove i primi passi nel mondo dell’editoria e pubblica la sua prima raccolta di poesie dal titolo Pictures of the Gone World - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Christopher Felver, Ferlinghetti at Old West Hotel, 1981 - Collezione dell’artista, Sausalito, California © Chris Felver – La sezione “Beat. Poesia. Ribellione” ripercorre gli anni in cui nasce il concetto di Beat Generation: da allora i media iniziano a parlarne per identificare un gruppo di scrittori accomunati da un senso di ribellione contro il sistema e da una ricerca di nuove forme di espressione letteraria – “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra
  • Kenneth Rexroth reading with jazz, 1952 - Gentile concessione: City Lights / Autore sconosciuto - Ferlinghetti vola a Cuba dopo il rovesciamento del regime di Batista, racconta Haiti sotto la legge marziale, esplora il Sudamerica e viaggia in Messico, arrivando poi anche in Italia che gli aveva dato le origini: Ferlinghetti diventa un assiduo viaggiatore e osservatore del mondo, raccogliendo materiale per le sue opere - “A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia”, la mostra